400 PDB si riuniranno virtualmente al primo vertice Finance in Common

Reading Time: 2 minutes read

Oltre 400 banche di sviluppo pubblico (PDB), tra il 9 e il 12 novembre 2020, si riuniranno (virtualmente) al primo vertice Finance in Common per discutere di come contribuiranno allo sforzo di ripresa globale del Covid-19.

Le istituzioni finanziarie per lo sviluppo (DFI) – una parte importante del variegato panorama del PPB – sono chiamate dai responsabili politici a svolgere un ruolo chiave in questi sforzi, promuovendo la crescita e la creazione di posti di lavoro.

Tuttavia, un’analisi di come le DFI stanno rispondendo alla crisi del Covid-19 suggerisce che non sono in grado di promuovere attività inclusive e sostenibili e di stimolare una transizione tanto necessaria verso economie a basse emissioni di carbonio.

Mentre il mondo lotta per contenere il coronavirus e riprendersi dai suoi impatti sociali ed economici, i DFI si stanno posizionando come la “linea del fronte vitale nella lotta per preservare [le imprese]” nei paesi in via di sviluppo e chiedono agli azionisti del governo di aumentare il capitale finanziario.

Allo stesso modo, i sostenitori del ruolo delle DFI nello sviluppo sostengono una maggiore assunzione di rischi da parte delle DFI, allentando i criteri di credito e aumentando la finanza mista.

I responsabili delle politiche stanno anche guardando alle DFI per svolgere un ruolo di primo piano nel sostenere il settore privato, ridurre i rischi e migliorare il contesto imprenditoriale sotto il titolo generale di “ricostruire meglio”.

L’ascesa delle DFI non è nuova. Negli ultimi decenni sono diventati una parte fondamentale dell’architettura del finanziamento dello sviluppo come conseguenza di un più ampio cambiamento nella narrativa dello sviluppo e nella pratica che dà priorità al settore privato. Tra il 2003 e il 2018 il portafoglio consolidato delle DFI europee è quintuplicato.

Nel 2018, cinque DFI bilaterali negli Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia e Paesi Bassi hanno impegnato oltre 12 miliardi di dollari a società del settore privato, un equivalente di oltre il dieci per cento dell’Aiuto pubblico allo sviluppo (APS) totale di questi paesi.

Eurodad ha criticato questa tendenza sottolineando il rischio di dirottare le scarse risorse di sviluppo lontano da interventi e modalità che si sono dimostrate efficaci nel fornire risultati di sviluppo.

Il ruolo delle DFI come attori dello sviluppo è stato messo in discussione poiché l’evidenza evidenzia una mancanza di impatto sullo sviluppo, nonché una mancanza di allineamento con principi di finanziamento efficaci e responsabili, tra cui scarsa responsabilità e trasparenza, potenziale vincolo degli aiuti, aumento degli oneri del debito e contributo pratiche fiscali sleali. Inoltre,

Questo briefing offre un’analisi della risposta di cinque principali DFI alla pandemia da marzo e rileva che i DFI lottano per “dimostrare il loro valore come attori dello sviluppo”.

Questo briefing rileva anche che queste istituzioni ei loro modelli di business non sono sufficientemente attrezzati per dimostrare l’addizionalità e supportare quegli attori economici locali che sono maggiormente colpiti dalla pandemia e sono cruciali per una ripresa incentrata sulle persone che metta i paesi in via di sviluppo su un percorso più sostenibile e inclusivo .

Questo briefing si conclude presentando gli elementi chiave di un programma di riforme urgenti per i DFI come attori dello sviluppo.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.