500 milioni di utenti LinkedIn trapelati sul forum degli hacker

Reading Time: 2 minutes read

La rete online per professionisti che lavorano, LinkedIn, ha recentemente subito una massiccia violazione dei dati in cui i dati personali di oltre 500 milioni di utenti sono trapelati su un popolare forum di hacker.

Secondo Mashable India, i dati trapelati consistono in informazioni personali sensibili tra cui ID e-mail, informazioni sul posto di lavoro, numeri di contatto, nomi completi, ID account, collegamenti agli account dei social media, dettagli di genere e altro.

Il programmatore che ha pubblicato il dump delle informazioni sulla piattaforma hacker consente agli utenti del sito di vedere la prova campione trapelata per circa 2 dollari di crediti del sito. Tuttavia, gli utenti che devono acquistare i 500 milioni di profili cliente rilasciati dovrebbero pagare in cambio una somma di quattro cifre (in USD), possibilmente tramite bitcoin. “Vendendo anche 500 milioni di profili, PM me per il prezzo minimo di 4 cifre in USD”, afferma il post sul sito, secondo Mashable India.

Secondo i rapporti, l’hacker afferma di essere riuscito a raccogliere i dati da LinkedIn. Tuttavia, al momento non è chiaro se i dati forniti dall’hacker siano aggiornati o aggregati da altre violazioni dei dati.

Nonostante il fatto che LinkedIn abbia rivelato a CyberNews che nessuna informazione LinkedIn penetrava, e “nessun dato di account di un membro privato da LinkedIn è stato incluso”, l’organizzazione in seguito ha affermato a una pubblicazione che c’era un set di dati di informazioni pubbliche raschiate dalla piattaforma “. Stiamo ancora indagando su questo problema, il set di dati pubblicato sembra includere informazioni visualizzabili pubblicamente che sono state estratte da LinkedIn combinate con i dati aggregati da altri siti Web o società “, ha detto un portavoce di LinkedIn.

La dichiarazione continuava inoltre: “Lo scraping dei dati dei nostri membri da LinkedIn viola i nostri termini di servizio e lavoriamo costantemente per proteggere i nostri membri ei loro dati”.

Fonti nel testo.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.