Aerei convertiti in alberghi, ostelli e sale meeting di lusso

Reading Time: 1 minute read

La durata degli aereomobili è di circa 20 – 30 anni e sono sostituiti spesso per logiche commerciali e in funzione dei consumi/ecologia. Dove vanno a finire quando non vengono più utilizzati? Alcuni apparecchi, di linea e militari, sono parcheggiati in cimiteri nel deserto. Il più grande è nella Davis–Monthan Air Force Base a Tucson in Arizona, dove sono posteggiati oltre 4.400 apparecchi in disuso.

Molti altri attendono negli hangar, possono essere acquistati su richiesta o nelle aste. Qualcuno ha pensato che a Stoccolma, nei Paesi Bassi o in Costa Rica, bisognava riciclare gli aerei in alberghi, ostelli e sale meeting di lusso.

Così alcuni velivoli sono stati ricondizionati, smantellati di ciò che erano prima e igienizzati, al fine di diventare soggiornabili.

Fra quelli più particolari abbiamo scelto la sistemazione integrata con il paesaggio e l’architettura locale, creato all’interno di un Boeing 727 vintage del 1965.

Il velivolo si trova in mezzo alla riserva naturale di Costa Verde, immerso nella giungla e posizionato su un piedistallo di 15 metri di altezza.

Un apposita terrazza costruita sull’ala vi assicurerà una vista sull’oceano.

Gli interni, decorati secondo il gusto locale, sono interamente in legno teach.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.