Africa, pesca illegale: Sea Shepherd pubblica un cortometraggio

Reading Time: 2 minutes read

Un nuovo documentario con Sea Shepherd sta riscuotendo un successo imprevisto e recentemente ha ottenuto la posizione dei 10 programmi più visti su Netflix in Australia e in altre regioni.

Intitolato “Seaspiracy”, il documentario esplora la difficile situazione dell’oceano e afferma di “scoprire l’allarmante corruzione globale”.

Il film sta scatenando un acceso dibattito in tutto il mondo e la controversia sta alimentando l’interesse tanto necessario per la salute dell’oceano. Una nuova ricerca mostra che la pesca eccessiva potrebbe causare il collasso dell’oceano già nel 2030.

Sea Shepherd è un’organizzazione anti-bracconaggio che fa campagne contro la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata, nonché altri crimini ambientali.

Sea Shepherd collabora con le forze dell’ordine in tutto il mondo per aiutare a fermare la pesca illegale.

L’intervistato, George Monbiot, scrittore di The Guardian, afferma che il punto principale del film è corretto: l’industria della pesca è la principale causa della distruzione ecologica degli oceani, e cita il rapporto IPBES del 2019 come prova a sostegno di questa affermazione.

Il fondatore di Sea Shepherd, Paul Watson, aggiunge che “gli interessi di pesca industrializzata delle aziende, come previsto, stanno facendo gli straordinari nei loro tentativi di screditare Seaspiracy”. Ha accusato i critici di “selezionare con cura la scienza e cercare di suggerire che la pesca industriale è sia sostenibile che necessaria. Non è.”

Sea Shepherd riconosce che una dieta a base di proteine ​​animali tra i consumatori occidentali è uno dei quattro principali fattori che contribuiscono al cambiamento climatico. Negli ultimi due decenni, le navi e gli eventi di Sea Shepherd sono stati basati sulle piante.

Sebbene Seaspiracy non possa coprire tutte le complessità dei problemi che affliggono l’oceano in un documentario, fa un ottimo lavoro nel distillare il messaggio centrale; l’oceano è in crisi a causa della pesca industriale e questa non è solo una minaccia imminente per la sopravvivenza dell’umanità, ma anche una minaccia quotidiana per i pescatori di sussistenza.

Molte persone si affidano alle pratiche di pesca tradizionali per nutrirsi e la pesca industriale sta minacciando la loro sopravvivenza. Dobbiamo affrontare questo problema come una questione di giustizia climatica e ascoltare i First Peoples in tutto il mondo.

Il documentario ha avuto un enorme successo e molte persone hanno domande sulle campagne di Sea Shepherd e su come possono aiutare a salvare l’oceano.

Sea Shepherd sta rilasciando un documentario di follow-up di 10 minuti intitolato “On the FRONTLINES: Illegal Fishing in Africa” che approfondisce il motivo per cui l’organizzazione è ora concentrata sulla protezione di importanti aree marine protette della costa del continente africano.

Comunicato stampa – Sea Shepherd.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.