AGENZIA MONDIALE ANTIDOPING SI RIVOLGE ALL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER PREPARARE LA SUA LOTTA CONTRO IL DOPING

Reading Time: 1 minute readL’Agenzia mondiale antidoping (WADA) afferma che sta esplorando l’uso dell’intelligenza artificiale

Condividi nei social

Reading Time: 1 minute read

L’Agenzia mondiale antidoping (WADA) afferma che sta esplorando l’uso dell’intelligenza artificiale (AI) come mezzo per intensificare la sua lotta contro il doping. Olivier Niggli, direttore generale della WADA, ha detto: “stiamo valutando l’applicazione dell’intelligenza artificiale in futuro per identificare atleti sospetti dopati”.

Gli atleti, i cui passaporti biologici sono stati segnalati dall’IA, non avrebbero affrontato immediatamente procedure disciplinari, ma piuttosto servire come strumento di targeting, notificando all’agenzia dove dovrebbe concentrare le proprie risorse di test.

“C’è un sacco di dati che vengono raccolti nell’anti-doping – sia attraverso i passaporti [dell’atleta biologico], attraverso i test, attraverso i risultati degli atleti. Se riesci a creare un sistema che utilizzi in modo significativo questi dati, penso che tu possa creare strumenti molto potenti ” , ha aggiunto Niggli.

Niggli ha anche suggerito la possibilità della tecnologia che consente alla WADA di analizzare i dati in modo retrospettivo.

“Spero che tra cinque anni saremo molto più bravi nell’analizzare tutti i dati che abbiamo già e che sono già stati raccolti. È un mondo complesso che richiede risposte complesse. ”

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.