Agnese Pini alla guida de La Nazione: prima donna in 160 anni di storia del quotidiano

Reading Time: 1 minute read

Agnese Pini alla guida de La Nazione: prima donna in 160 anni di storia del quotidiano
Il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Toscana si congratula con Agnese Pini, nuova direttrice de La Nazione.

Agnese Pini sostituisce Francesco Carrassi che, nei giorni scorsi, aveva dato le proprie dimissioni.

Prima donna alla guida de La Nazione in 160 anni di storia, Agnese Pini è nata a Carrara nel 1985 e si è laureata a Pisa con 110 e lode. Ha iniziato a lavorare per La Nazione di Carrara come collaboratrice a 21 anni, proseguendo poi con il Giorno.

Nel 2016 ha lavorato alla redazione di Siena della Nazione e poi è approdata a Firenze, nel ruolo di vice capocronista della cronaca cittadina. A maggio era stata nominata vice direttrice del quotidiano.

Nel ruolo di direttrice, sarà supportata da Michele Brambilla che affiancherà al ruolo di Direttore di QN Quotidiano Nazionale anche quello di direttore editoriale di tutte le testate della Poligrafici Editoriale.

Dall’Ordine dei giornalisti della Toscana l’augurio di buon lavoro alla neo direttrice.

Fonte ODG TOSCANA


(Foto da Facebook)

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.