Aiuti alimentari tra economia sociale e circolare

Reading Time: 3 minutes read

Ogni anno, una stima 1,3 miliardi di tonnellate di cibo vengono perse o sprecate globalmente. Allo stesso tempo, tra 720 e 811 milioni le persone soffrono la fame in tutto il mondo.

La donazione di cibo offre una soluzione critica a questo preoccupante paradosso, in quanto reindirizza il cibo sicuro e in eccesso dalle discariche a coloro che ne hanno più bisogno.

Sfortunatamente, la maggior parte dei paesi non ha leggi e politiche di supporto che consentano alla donazione di cibo di raggiungere il suo pieno impatto.

La donazione di cibo può servire come soluzione vitale per le sfide della fame globale e dello spreco alimentare. Reindirizza cibo sicuro e in eccesso che altrimenti andrebbe perso o sprecato sui piatti di coloro che ne hanno più bisogno.

Tuttavia, l’incertezza sulle leggi e le politiche sulla donazione di cibo sta ostacolando l’espansione delle banche alimentari e delle organizzazioni per il recupero di cibo.

Quali sono le principali questioni che incidono sulla donazione di cibo?

1. Sicurezza alimentare per donazioni :

Un ostacolo chiave alla donazione di alimenti può essere la mancanza di conoscenza o di una guida prontamente disponibile per quanto riguarda le procedure di sicurezza per gli alimenti donati. Tutti gli alimenti donati dovrebbero essere sicuri per il consumo e conformi alle leggi e ai regolamenti applicabili in materia di sicurezza alimentare. I potenziali donatori, tuttavia, sono spesso incerti su quali norme di sicurezza alimentare si applicano agli alimenti donati e sulle misure necessarie per conformarsi.

2. Etichettatura della data :

Le etichette delle date apposte sui prodotti alimentari sono un importante motore di rifiuti alimentari e un ostacolo alla donazione di alimenti. La maggior parte dei donatori di alimenti e delle organizzazioni per il recupero di alimenti sono adeguatamente cauti nel donare alimenti che potrebbero non essere più sicuri, ma non è sempre chiaro se l’etichetta della data accompagnata da un linguaggio come “vendere”, “scade” o “meglio di” si riferisce alla sicurezza alimentare. In effetti, le etichette delle date sono generalmente intese a riflettere la freschezza o la qualità piuttosto che la sicurezza alimentare per la stragrande maggioranza degli alimenti.

3. Protezione della responsabilità per donazioni alimentari :

Un ostacolo significativo alla donazione di cibo è la paura tra i donatori di essere ritenuti responsabili se qualcuno si ammala dopo aver consumato cibo donato. Alcuni paesi hanno adottato protezioni di responsabilità per mitigare questa preoccupazione. Tuttavia, molti donatori di alimenti e organizzazioni per il recupero di alimenti non sono sicuri se siano ammissibili a questa protezione, se vi siano azioni necessarie per mantenere la protezione e quali limiti, se del caso, si applicano.

Ragionando in piccolo, ovvero in modo circoscritto, partiamo dal fatto che una famiglia necessita di cibo composto non soltanto da pacchi di pasta, scatolette di carne, pesce (di solito tonno), biscotti, conserve di pomodoro, ma anche di omogeneizzati, olio, succhi di frutta, pane, latte, yogurt, frutta in lattina (es. pesche, ananas, ecc.), marmellata, ecc.

Il problema è che una gran parte dei donatori intervistati vorrebbe poter acquistare quel tipo di prodotti, ma sono frenati dai loro costi, però c’è chi, invece, quand’é al super riesce a fare la doppia spesa, scegliendo prodotti non deperibili che sono comunque buoni e utili per una famiglia soprattutto controllando cosa c’è scritto nella etichetta quindi evitando prodotti dannosi alla salute come quelli con additivi chimici, quindi pensando a se stessi e di conseguenza al prossimo poiché è importante donare ma bisogna ricordarsi che gli ‘altri’ sono come noi, esseri umani in difficoltà.

Quanto sopra per far capire che una busta di alimenti deve contenere prodotti di vario tipo, ovviamente non deperibili in breve tempo, quindi non soltanto scatolame come la mazzotin (peraltro sconsigliata).

Ricordiamo che le food bank si diffusero inizialmente negli Stati Uniti negli anni sessanta del XX secolo. La prima fu la St Mary’s Food Bank a Phoenix in Arizona, fondata nel 1967 dal filantropo John Van Hengel che iniziò a distribuire ai bisognosi il cibo non venduto dai negozi e nei ristoranti della città altrimenti destinato alla distruzione.

Fonte WP

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.