Alleanza Cina-Iran-Pakistan crea problemi per i diritti umani

Reading Time: 3 minutes read

L’Alleanza Cina-Iran-Pakistan probabilmente crea problemi per i diritti umani e per contrastare il futuro terrorismo e l’aggressione nei confronti dei vicini. Questi alleati apparentemente improbabili stanno costantemente consolidando le loro collaborazioni e facendo recentemente notizia con i loro patti.

“Lunga vita alla terra pura” è così che il ministro degli Esteri iraniano ha esordito nel suo tweet sul 65 ° compleanno del Pakistan come nazione. Questo è un chiaro segnale per la nazione dell’Afghanistan, partner degli Stati Uniti, che vive tra questi due vicini. Mentre il regime iraniano è apertamente anti-USA, il regime pakistano è visto, dai più, come silenziosamente anti-USA.

L’Iran e la Cina, il più grande partner commerciale dell’Iran, hanno firmato sabato un patto di 25 anni in cui il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha dichiarato “Le nostre relazioni con l’Iran non saranno influenzate dalla situazione attuale, ma saranno permanenti e strategiche”.

Questa è una continuazione degli sforzi iniziati nel 2016 quando la Cina ha detto all’Iran che avrebbe aumentato il proprio commercio bilaterale a $ 600 miliardi, in questo decennio.

Lo scambio di miliardi di investimenti in contanti per una fornitura ininterrotta di petrolio è una mossa logica per la Cina.

Cina e Pakistan sono vincolati attraverso il corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC), che è un valore di circa $ 60 miliardi di progetti infrastrutturali in tutto il Pakistan volti a rafforzare la capacità di spostare merci attraverso il Pakistan da e verso la Cina.

Alcuni progetti hanno creato più posti di lavoro cinesi rispetto al pakistano, ma questa è una scossa economica tanto necessaria per un’economia pakistana in difficoltà. Ha rafforzato molto il loro rapporto, con il leader cinese Xi Jinping.

La Cina è uno stato marxista che rifugge la religione, mentre Pakistan e Iran hanno costruito il loro governo e la loro ragion d’essere sulla religione dell’Islam.

L’Iran è una nazione dell’Islam sciita che lavora per diffondere le opinioni della propria setta e per contrastare le idee sunnite in tutto il mondo.

Il Pakistan è una nazione musulmana che sostiene i gruppi islamisti sunniti salafiti e wahhabiti violenti che operano nell’Asia meridionale, in particolare i talebani. Per finire, la Cina sta commettendo un genocidio contro la loro comunità musulmana uigura proprio ora, sotto la piena vista sia dell’Iran che del Pakistan, che affermano di essere difensori dei musulmani in tutto il mondo.

Il trio si coagula grazie all’avversione per gli ideali della democrazia occidentale di libertà individuale, giustizia cieca e uguaglianza per tutti gli esseri umani.

Negli Stati Uniti, queste tre nazioni trovano un nemico perfetto da provocare. Ognuno di loro può costruire il proprio nazionalismo e patriottismo contrastando i mali della democrazia e della libertà. Questo è un argomento che i governi pensano che risuoni con la loro gente, quindi sottolineare i mali della società occidentale “a causa dell’eccessiva libertà e uguaglianza” è un evento quotidiano per gli attori del governo e la loro stampa.

Oltre a ciò, il Pakistan è attratto dalla Cina a causa della sua economia in rapido deterioramento. La Cina ha trovato un modo semplice per comprare la lealtà e il silenzio del Pakistan.

L’Iran vorrebbe che la Cina acquistasse più petrolio iraniano, in modo che l’Iran possa sfuggire alle sanzioni occidentali contro di loro. Ancora una volta, la Cina ha trovato un modo per comprare la lealtà e il silenzio dell’Iran.

Il regime cinese non mostra segni di indebolimento, anzi stanno aumentando in quasi ogni misura di potere .

Il Pakistan potrebbe essere ritirato dall’orbita cinese, ma la maggior parte delle nazioni non è disposta a fare il lavoro necessario per salvare questa giovane nazione che ospita due mega-città in crescita.

L’Iran è più profondamente radicato nella loro ideologia anti-occidentale e la maggior parte delle nazioni è felice di tentare di tenere l’Iran contenuto, invece di cercare di annullare la cultura militante e abusante dei diritti umani che ha distrutto l’Iran che alcuni conoscevano una volta.

Quando tre nazioni con ambizioni navali, risorse naturali chiave , dati discutibili sui diritti umani, popolazioni istruite in crescita e un’ideologia unificante anti-occidentale si sviluppano in un’alleanza consolidata, trovare un modo per separarsi l’uno dall’altro è quasi impossibile.

Fonti inserite nel testo

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.