Ambasciata cinese respinge accuse intelligence lituana

Reading Time: 2 minutes read

L’ambasciata cinese a Vilnius ha espresso forte disaccordo con il recente rapporto dell’intelligence lituana sulle minacce della Cina in materia di investimenti, spionaggio, sicurezza informatica e militari.

In una dichiarazione inviata a BNS, l’ambasciata cinese afferma che la Cina rispetta la sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale di tutti i paesi e non interferisce con gli affari interni di altri paesi, senza costituire una minaccia alla sicurezza per la Lituania.

L’ambasciata ha anche aggiunto che la Cina difende risolutamente la propria sovranità e integrità territoriale, sostenendo gli interessi chiave su questioni relative a Taiwan, Tibet, Hong Kong, Xinjiang e Mar Cinese Meridionale e resiste fortemente “interferendo negli affari interni della Cina”. La Cina non cerca mai l’espansione militare e il dominio globale, ha anche detto.

Nella sua tradizionale valutazione delle minacce alla sicurezza nazionale, pubblicata martedì, l’intelligence della Lituania ha affermato che si osserva la continua attività malvagia della Cina nel cyberspazio lituano.

Secondo l’intelligence della Lituania, la Cina sta espandendo la sua influenza in tutto il mondo, sfruttando la leva economica per garantire il sostegno di altri paesi a Pechino su questioni politiche chiave.

Il documento afferma inoltre che i servizi di intelligence cinesi sono particolarmente aggressivi in ​​questo settore e sfruttano principalmente le opportunità offerte dal social network LinkedIn.

L’intelligence della Lituania sottolinea inoltre che la Cina sta rapidamente sviluppando il suo complesso militare-industriale che “aprirà la strada alla proiezione del potere militare in tutto il mondo”.

A causa di interessi strategici parzialmente sovrapposti, la Cina sviluppa una cooperazione politica e militare con la Russia e coordina le posizioni su determinate questioni internazionali.

Presentando il rapporto dell’intelligence martedì, il colonnello Remigijus Baltrenas, capo del Secondo dipartimento investigativo del Ministero della Difesa nazionale, ha dichiarato che il coinvolgimento della società di telecomunicazioni cinese Huawei nello sviluppo dell’infrastruttura di rete wireless 5G comporta un rischio per la sicurezza.

Fonte : baltictimes.com

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.