Angelica Cheung lascia Vogue China

Reading Time: 1 minute read

Angelica Cheung, la direttrice fondatrice di Vogue China, se ne andrà dopo 16 anni alla guida del titolo, secondo una nota interna visionata da WWD. Il suo ultimo giorno sarà l’8 dicembre 2020.

Nessun successore è stato ancora nominato e la prossima mossa di Cheung non è ancora chiara. Condé Nast China non è stato possibile raggiungere per un commento al momento della stampa.

La sua partenza segna un altro ciclo di grandi cambiamenti in casa Condé Nast China. A ottobre, l’ editore di moda ha portato Li Li per sostituire Sophia Liao , che è stata lasciata andare senza tante cerimonie il 9 settembre, come nuovo capo cinese.

Ha aggiunto che fino a quando non verrà trovato un nuovo redattore capo, Anna Wintour, che ora supervisiona la direzione globale dei contenuti, lavorerà a stretto contatto con lei e Denise Suen, caporedattore di Vogue China per garantire una transizione senza intoppi.

Probabilmente la donna più potente dell’industria della moda cinese, Cheung è stata per Vogue China sin dal lancio della rivista nel 2005. Prima di allora, era la direttrice editoriale di Elle China e caporedattore di Marie Claire a Hong Kong.

Altri influenti colleghi come Su Mang, Xiao Xue e Shaway Yeh – ex direttori editoriali delle edizioni cinesi di Harper’s Bazaar, Elle e Modern Weekly, rispettivamente – hanno tutti lasciato l’industria dell’editoria di moda.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.