Antartide collegata magneticamente al Gondwana

Reading Time: 1 minute read

Un gruppo di ricerca dell’Università tedesca di Kiel, del British Antarctic Survey e del National Institute of Oceanography and Applied Geophysics e della Witwatersrand University in Sud Africa ha utilizzato dati satellitari e aeromagnetici per studiare la geologia nascosta dell’Antartide. I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Scientific Reports.

Sappiamo che il continente antartico si è formato circa 180 milioni di anni fa quando il supercontinente Gondwana si è rotto. Il Gondwana ha incorporato quello che oggi è conosciuto come Sud America, Africa, Arabia, Madagascar, India, Australia, Nuova Zelanda e Antartide.

Quando il supercontinente iniziò a disgregarsi all’inizio del Giurassico, l’Antartide rimase arenata, tutta per sé. Tuttavia, la geologia sub-glaciale antartica è ancora approssimativa ed è importante per comprendere i cicli globali del supercontinente nel corso di miliardi di anni.

Il team di ricerca è stato in grado di superare le sfide della raccolta di dati geofisici su un continente lontano al Polo Sud, coperto da uno spesso strato di ghiaccio, utilizzando i dati magnetici della missione Swarm dell’ESA (Agenzia spaziale europea) a lungo con misurazioni aeree.

Lanciata nel novembre 2013, la costellazione Swarm dell’ESA è la quarta di una serie di missioni di ricerca pionieristiche di Earth Explorer, sulla scia di GOCE, SMOS e CryoSat. Swarm è anche la prima missione dedicata a svelare il funzionamento del campo magnetico terrestre.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.