Apple, da dove provengono le parti del tuo iPhone o Mac?

Reading Time: 3 minutes read

Apple ha rivoluzionato la tecnologia dei consumatori, contribuendo a creare un’economia basata sulle app e spingendo ( AAPL ) a una capitalizzazione di mercato di $ 2 trilioni. Dopo aver svelato gli iPhone nel gennaio 2007, Apple ha venduto da allora 2 miliardi di unità in tutto il mondo, con i telefoni che costituiscono la principale fonte di entrate dell’azienda.

Ma tutto questo è meritato ? Noi abbiamo fatto un’indagine quando tempo addietro i nostri server Apple sono stati valutati meno di quanto li avevamo pagati sei mesi prima, quindi una super svalutazione non giustificabile.

Ebbene mentre Apple progetta il telefono a Cupertino, in California, si rifornisce di parti per i suoi tablet, computer, telefoni da produttori di tutto il mondo, ma non solo: anche da quei consumatori che, pensando di cambiare il loro prodotto con uno nuovo, lo fanno valutare ed anche se viene declassato ben oltre il reale mercato dell’usato, comunque lo cedono ad Apple.

Apple ricicla i componenti del prodotto ricevuto e poi li rigenera abbinandoci parti provenienti da Giappone, Stati Uniti, Europa, Cina e Corea del Sud.

Ma non solo…pensate…non crederete a quello che leggerete…Apple si affida spesso a Samsung per produrre i pannelli OLED utilizzati per il display Super Retina XDR ad esempio dell’iPhone, nonostante la rivalità dei due giganti della tecnologia, secondo più fonti tra cui Wired. Utilizza anche i pannelli del concorrente di Samsung, LG, dando all’iPhone uno dei migliori display per smartphone in circolazione.

Ma pensa te…Nelle generazioni precedenti, Apple utilizzava pannelli OLED per i suoi modelli di iPhone Pro di fascia alta e pannelli LCD per i modelli di iPhone standard. I pannelli LCD sono generalmente più luminosi degli OLED, ma non possono offrire il tipo di vivacità o risparmio energetico dei display OLED.

Prendiamo come esempio l’iPhone 12 per capire meglio cosa combina Apple. Dunque ha spostato l’intera linea su OLED, dando a tutti i telefoni lo stesso stile di schermo. Poi, il cuore pulsante di ogni iPhone 12 è il processore Bionic A14, questa volta di Apple. Il chip, basato sull’architettura ARM con sede nel Regno Unito e progettato da Apple, è tra i processori per smartphone più avanzati al mondo.

Il processo di progettazione a 5 nanometri, qualcosa che nemmeno il produttore di chip Intel ha prodotto su larga scala, l’A14 presenta un’unità di elaborazione centrale e una di elaborazione grafica, nonché un motore neurale a 16 core per capacità di apprendimento automatico.

All’interno, l’A14 utilizza due core CPU (unità di elaborazione centrale) ad alta potenza per processi ad alta intensità di risorse e quattro core CPU a basso consumo energetico per gestire app di base.

L’iPhone 12 Pro ha tre nuove fotocamere che gli consentono di scattare foto grandangolari, ultra grandangolari e teleobiettive. L’alimentazione di questi obiettivi è il sensore di immagine CMOS ( SNE ) udite udite di…Sony (si avete letto bene!).

Per la linea iPhone 12, Apple ha aggiunto una serie di nuove funzionalità su tutta la linea. L’iPhone di base e l’iPhone mini hanno due obiettivi per fotocamera, uno grandangolare e l’altro ultra grandangolare e una nuova modalità di scatto in condizioni di scarsa illuminazione, che mancava dall’iPhone 11 di base.

L’iPhone 12 Pro e l’iPhone 12 Pro Max, nel frattempo, ottengono funzionalità di acquisizione in condizioni di scarsa illuminazione migliorate, così come il teleobiettivo aggiunto. Sul 12 Pro, il teleobiettivo può zoomare fino a 2x, mentre il 12 Pro Max può ingrandire fino a 2,5x, offrendo uno zoom più profondo per immagini dall’aspetto più pulito catturato a distanza.

Uno degli aspetti più importanti di qualsiasi smartphone è la sua batteria. L’iPhone 12, Apple si è affidata alla tecnologia Amperex, per fornire la potenza necessaria e mantenere, sino a prova contraria, i suoi telefoni in funzione tutto il giorno.

Apple afferma che la batteria dell’iPhone 12 Pro Max offre fino a 20 ore di riproduzione video con una singola carica. Ci credete ? Ve lo diremo prossimamente quando lo avremo testato…

La domanda di telefoni ha portato Apple a incrementare la produzione per l’iPhone 12, con la società che dovrebbe costruire 96 milioni di unità nella prima metà del 2021, un aumento del 30% anno su anno.

Mentre ci sono voci secondo cui Apple sta sviluppando il proprio chip 5G per dispositivi futuri, l’iPhone 12 si affida al modulo 5G di Qualcomm ( QCOM ) per garantire che possa funzionare con le attuali reti 5G.

Secondo il sito di riparazione tecnologica iFixit, i chip di archiviazione dell’iPhone 12 sono realizzati da Kioxia.

La quantità di spazio di archiviazione che otterrai dal tuo iPhone dipende dalla versione che stai scegliendo.

L’iPhone 12 e l’iPhone 12 mini di base hanno 64 GB, 128 GB e 256 GB di spazio di archiviazione. Ovviamente meno spazio meno paghi…

IPhone 12 Pro e iPhone 12 Pro e iPhone 12 Pro Max hanno 128 GB, 256 GB e 512 GB di spazio di archiviazione.

Una delle decisioni più importanti che prendi quando acquisti il ​​tuo iPhone è la quantità di memoria da acquistare. Se andate nei gruppi social vi rideranno dietro se farete questa domanda affermando, con certezza, che 2gb di ram sono differenti dal averne almeno 4gb.

Non ci credete? Bhe possiamo garantirvi che entro poco dovrete cancellare foto e app oppure ti appoggerai al cloud per l’archiviazione.

Quindi…a te la scelta…se ritieni pagare per qualcosa di cui non hai bisogno, vai e compra l’iphone 12!

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.