AQUA: Il superyacht a idrogeno di 112 metri di Sinot

Reading Time: 2 minutes read

Sinot Yacht Design & Architecture presenta un nuovo concetto di superyacht radicale sotto forma del superyacht a idrogeno Aqua di 112 metri . Aqua è stato sviluppato per l’armatore lungimirante con un design futuristico che è abbinato a un sistema di alimentazione con tecnologia a celle a combustibile e idrogeno liquido pienamente operativo, che lo pone all’avanguardia di ciò che è possibile in mare oggi.

le sinuose linee esterne di Aqua fluiscono da poppa attraverso una capsula di osservazione a 360 gradi e una timoneria e si riuniscono nell’area di prua dove una spettacolare sala Aqua offre agli ospiti viste mai viste prima in mare nel massimo lusso.

La maggior parte delle aree per gli ospiti si trova a prua della nave, dove il volume più grande culmina mentre lo yacht si assottiglia a poppa verso il beach club.

Il ponte di poppa presenta una grande scalinata e una cascata centrale che crea un immediato fattore di sorpresa quando si sale a poppa.

All’interno, le altezze del soffitto che vanno da 2,8 a 3,8 metri creano un’esperienza di vita aperta con finestre a tutta altezza che rivestono l’area del padiglione principale per un incontro visivo ininterrotto.

L’area del proprietario privato è dotata di un ampio bagno, spogliatoio e sezione spa privata.

Una suite VIP con illuminazione naturale situata sulla linea di galleggiamento vicino a poppa è decorata in un dettagliato stile minimalista da spiaggia giapponese che si abbina agli interni di tutta Aqua .

Alimentato dall’idrogeno, l’ architettura navale e gli aspetti ingegneristici di Aqua sono stati sviluppati da Lateral Naval Architects .

Il sistema funziona con idrogeno liquefatto che viene convertito in elettricità e distribuito sulla nave per essere utilizzato dal sistema di propulsione e dai servizi alberghieri.

Un sistema di gestione dell’alimentazione immagazzina l’energia elettrica in batterie di grandi dimensioni per garantire che i carichi possano essere sempre soddisfatti.

Questa configurazione, che ha richiesto cinque mesi di sviluppo al team di progettisti e ingegneri, crea un ambiente quasi privo di rumore per il massimo comfort degli ospiti a bordo con vibrazioni minime.

In termini di prestazioni, i clienti possono aspettarsi di coprire un’autonomia di 3.750 nm e raggiungere una velocità massima di 17 nodi utilizzando celle a combustibile PEM come fonte di potenza che guida un’elica controrotante e il gemello Voith Scheider Prollers.

Foto di copertina per gentile concessione dell’autore.

Condividi nei social

[Comunicare cosa, quando, dove]

[International Press Office]