Arabia Saudita, 2 ex dipendenti di Twitter accusati di spionaggio

Reading Time: 1 minute read

Due ex dipendenti di Twitter e un terzo uomo dell’Arabia Saudita sono accusati dagli Stati Uniti di spionaggio per il regno scavando i dati degli utenti privati ​​e consegnandoli ai funzionari sauditi secondo una denuncia presentata mercoledì dal Dipartimento di Giustizia.

Il Washington Post, rivela che gli Stati Uniti stanno accusando il cittadino saudita Ahmad Abouammo e il cittadino americano Ali Alzabarah, che avevano entrambi lavorato in precedenza su Twitter; così come Ahmed Almutairi, anche un cittadino saudita che accede ai dati su oltre 6.000 account Twitter, incluso uno legato a un confidente del giornalista assassinato e critico del governo saudita, Jamal Khashoggi.

Il New York Times ha riferito che Alzabarah si avvicinò sempre più agli agenti dell’intelligence saudita, che alla fine lo persuasero a scrutare i resoconti degli utenti su cui cercavano informazioni, compresi dissidenti e attivisti che parlavano contro la corona.

Alzabarah Ha lasciato l’azienda nel 2015 ed è tornato in Arabia Saudita per unirsi alla MiSK Foundation di MBS, un’organizzazione no-profit incentrata sulla tecnologia.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.