Arabia Saudita, nuovo Ministero industria e risorse minerarie

Reading Time: 1 minute read

Il re Salman dell’Arabia Saudita ha emesso decreti reali, tra cui la creazione di un nuovo ministero dell’industria e delle risorse minerarie.

Bandar Al-Khorayef guiderà il nuovo ramo del governo, mentre Fahd bin Mohammed Al-Essa è nominato capo della Corte reale, Bandar bin Mohammed Al-Aiban come consigliere della Corte reale e Awwad bin Saleh Al-Awwad nuovo capo della Commissione saudita per i diritti umani.

Salmān bin ʿAbd al-ʿAzīz Āl Saʿūd (in arabo: سلمان بن عبدالعزيز آل سعود‎; Riyad, 31 dicembre 1935) è re dell’Arabia Saudita dal 23 gennaio 2015, il secondo re dei cosiddetti “Sette Sudayrī” dopo suo fratello Fahd.

Il principe Salmān e la sua famiglia possiedono un gruppo di giornali, compresi i quotidiani panarabi al-Sharq al-Awsaṭ, “Il Medio Oriente”) e al-Iqtiṣādiyya (“L’economia”). Anche se possiede solo il 10% del Gruppo saudita di ricerca e marketing (SRMG), è spesso definito dai revisori come il proprietario, e ne controlla l’organizzazione attraverso il presidente, il figlio Turki. L’SRMG pubblica quotidiani come Arab News, al-Sharq al-Awsaṭ e al-Iqtiṣādiyya attraverso la controllata compagnia saudita di ricerca e pubblicazione .

Fonte
wikipedia.org

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.