Arabia Saudita, Turismo internazionale: i reati di decenza pubblica

Reading Time: 2 minutes read

L’Arabia Saudita sabato ha elencato 19 violazioni comminabili relative alla decenza pubblica, mentre il regno ultra-conservatore apre le sue porte ai turisti stranieri.

Riyadh ha lanciato venerdì un programma di visti che consente ai turisti di 49 paesi di visitare uno dei paesi più inaccessibili del mondo, dove finora la maggior parte dei visitatori stranieri sono stati pellegrini e uomini d’affari musulmani.

I reati elencati nel nuovo sito Web per i visti includono abiti immodesti, esposizione pubblica di affetto, sporcare, sputare, saltare in coda, scattare fotografie e video di persone senza permesso e riprodurre musica nei momenti di preghiera. Nel frattempo, l’alcol rimane illegale.

Le multe vanno da 50 riyal ($ 13) a 6.000 riyal ($ 1.600).

Tuttavia, l’Arabia Saudita ha anche allentato il suo rigoroso codice di abbigliamento per le donne straniere, permettendo loro di andare senza l’abaya, un abito nero che copre tutto, che è ancora obbligatorio abbigliamento pubblico per le donne saudite.

“I regolamenti hanno lo scopo di garantire che i visitatori e i turisti nel regno siano a conoscenza della legge relativa al comportamento pubblico in modo che si conformino ad esso”, ha detto una dichiarazione dei media del governo.

La dichiarazione afferma che la polizia saudita è la sola responsabile del monitoraggio delle violazioni e dell’emissione di multe, emarginando ulteriormente la Mutawa, la squadra religiosa anti-vice del regno.

Il regno, relativamente chiuso da decenni, negli ultimi anni ha allentato rigidi codici sociali, come la segregazione di uomini e donne in luoghi pubblici.

Ai sensi della più antica legge sulla tutela dell’Arabia Saudita, alle donne saudite era vietato viaggiare senza il permesso di un tutore maschio assegnato – di solito un marito o un membro della famiglia.

Tuttavia, in agosto l’Arabia Saudita ha emesso una serie di decreti che garantiscono alle donne maggiori libertà personali, incluso il diritto di guidare, viaggiare senza permesso, ottenere un passaporto e registrare la nascita, il matrimonio o il divorzio dei bambini.

I sostenitori del governo saudita hanno promosso le riforme sociali nell’ambito di una spinta modernizzante attuata dal principe ereditario Mohammed bin Salman.

Tuttavia, le riforme sono state accompagnate da una repressione del dissenso, tra cui l’arresto e la presunta tortura di un certo numero di attivisti che hanno fatto campagna per anni per il diritto alla guida delle donne.

Fonte
dubaiforum.me

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.