Atletica leggera – Campionati Mondiali: Criticate telecamere alla partenza

Reading Time: 1 minute read

La Federazione mondiale di atletica leggera IAAF ha risposto alle critiche alle telecamere nei blocchi di partenza ai Campionati mondiali di Doha. È stato trovato un compromesso, dopo che le immagini delle “telecamere superiori” in TV e sulla parete video dello stadio sono mostrate solo in grande quando gli atleti siedono nel blocco, ha dichiarato la Federazione tedesca di atletica leggera.

Le immagini delle controverse telecamere sarebbero passate nella sala di controllo della TV sullo schermo principale e visualizzate su uno schermo laterale in modo tale che nulla fosse visibile. Inoltre, i dati video non verrebbero salvati ed eliminati quotidianamente.

Le velociste tedesche Gina Lückenkemper e Tatjana Pinto hanno criticato le telecamere come “molto discutibili”.

L’uso della Coppa del Mondo delle nuove telecamere nel blocco di partenza è previsto solo per i 100 metri e nella corsa ad ostacoli.

L’idea della telecamera di blocco di partenza è quella di “migliorare la comunicazione tra atleta e spettatori mediante una nuova presentazione dell’evento”, afferma la nota.

Fonte
Spiegel Sport

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.