ATTENZIONE, Pishing truffa su APP Intesa San Paolo

Reading Time: 2 minutes read

La presente comunicazione urgente per tutti gli utenti, collaboratori, corrispondenti, italiani, che hanno installato sul proprio telefono la App Intesa San Paolo Mobile; fate molta attenzione se avete ricevuto un messaggio che utilizza le medesime credenziali del Gruppo ISP (Intesa San Paolo) e comunica il seguente messaggio via SMS:

Gentile Cliente,
la informiamo che è stato rilevato un accesso anomalo al suo conto.
Verifica Ora…https://www.portale-isp.com
Intesa San Paolo.

Ovviamente NON cliccate su quel link. Se lo fate viene fuori questa schermata:

A seguire vi chiedono codice utente, PIN e nr di telefono.

Noi abbiamo fatto una prova con codici del tutto errati e siamo stati contattati, al nr di telefono cellulare fornito, da un tizio che si è palesato come un operatore del ‘Centro Anti-frode dell’Intesa San Paolo’ il quale ha detto, in modo perentorio, che i codici erano errati e perché lo avevamo fatto…ed ha poi chiesto, per sbloccare la APP, i codici esatti!

NESSUN operatore della banca è autorizzato a chiedere i vostri codici. Non date MAI ivostri codici a NESSUNO!!!

Pertanto chi ha telefonato è un truffatore.

Il numero di telefono dal quale è arrivata la comunicazione del truffatore è il seguente: 01119118042 (dall’Italia). Se provate a telefonare risponde una segreteria telefonica o se vi risponde qualcuno è il TRUFFATORE in persona!!!

Nel 2018 lo studio legale Palmigiano, specializzato in diritto bancario, ha ottenuto un provvedimento di fronte alla Corte di Cassazione (ordinanza 9158/18) che ha creato un precedente importante in materia di phishing, ed è stato utile per ottenere ulteriori sentenze positive in vicende simili.

è ragionevole ricondurre nell’area del rischio professionale del prestatore dei servizi di pagamento, con appropriate misure, verificare la riconducibilità delle operazioni alla volontà del cliente”.

Nel frattempo ? Se hai subito la truffa da parte di un e-commerce o sei caduto nella trappola del phishing della banca o altro operatore, indipendentemente dal numero verde, è importantissimo che si va sul sito della Polizia Postale e compilare il modulo di denuncia online.

In questo modo la Polizia Postale potrà indagare a fondo sulla vicenda, impedire che si ripeta ed avviare le pratiche per rimborsarti il denaro perduto, a meno che di questo non possa occuparsi la tua banca.

Però non fermarti qui: questa denuncia non sostituisce quella fisica, ma rappresenta solo il primo passo della vera e propria denuncia per reati telematici (da presentare ai Carabinieri).

Rivolgiti poi ai carabinieri. Stampa il modulo e presentati da loro fornendo tutti i dettagli che potrebbero aiutarli a svolgere le opportune indagini.

Con la denuncia on line alla polizia postale e quella dei carabinieri vai in banca e chiedi di bloccare il conto, se non sei riuscito a farlo on line.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.