Aumenta prezzo oro causa sfiducia accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina

Reading Time: 1 minute read

Il prezzo dell’oro è aumentato di nuovo, dopo che i risultati dell’accordo commerciale di Fase 1 tra gli Stati Uniti e la Cina non sono riusciti a convincere gli investitori della differenza commerciale, in cui Washington ha mantenuto le tariffe su alcuni beni cinesi.

Un altro metallo prezioso, il palladio sparato per registrare alti e il platino è salito al suo massimo livello in quasi due anni.

Gli Stati Uniti e la Cina hanno firmato un accordo commerciale temporaneo che ridurrebbe le tariffe e incoraggerebbe la Cina ad acquistare beni e servizi . Tuttavia, lo Zio Sam State impone ancora una tariffa del 25 percento su una serie di 250 miliardi di dollari di beni industriali e componenti cinesi utilizzati dai produttori statunitensi.

Nel frattempo, il prezzo del platino è salito del 3,7% a 1.019,20 dollari l’oncia, dopo essere salito al livello più alto da gennaio 2018, vale a dire 1.024,80 dollari l’oncia.

Il palladio metallo auto-catalizzatore ha registrato un record di 2.261,45 dollari per oncia all’inizio della sessione, e l’ultimo è salito del 2,8 per cento a 2.256,13 dollari supportato da un prolungato deficit di approvvigionamento. L’argento ha sparato dall’1,3 per cento a 18,02 dollari l’oncia.

Fonte : suara.com

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.