Aziende di abbigliamento piu’ preziose al mondo

Reading Time: 2 minutes read

Il valore totale dei primi 50 marchi di abbigliamento più preziosi del mondo nel suo complesso è diminuito dell’8%, passando da $ 299,8 miliardi nel 2020 a $ 276,4 miliardi nel 2021, secondo i calcoli di Brand Finance, poiché “l’interruzione economica globale e diffusa ha causato un forte calo la domanda e le chiusure dei negozi indotte dal blocco ”hanno ulteriormente ridotto i profitti delle aziende, non tutti i sotto-settori e i marchi hanno ottenuto risultati negativi.

Brand Finance ha rilevato che le calzature “hanno registrato un aumento del valore del marchio anno su anno, registrando un aumento del 9% in media” e i nuovi entranti, come Timberland e Converse , “hanno ottenuto risultati particolarmente buoni, registrando un Rispettivamente del 47% e del 48% del valore del marchio “.

Tra le aziende che hanno mostrato la maggiore crescita del valore del marchio su base annua, il marchio di abbigliamento sportivo Fila è in cima alla lista, con una crescita del 68,4% tra il 2020 e il 2021.

“Da quando Fila Korea ha acquistato il marchio globale Fila nel 2007, il marchio ha lavorato per abbracciare strategicamente il ritorno delle tendenze che l’hanno aiutata a farsi un nome in tutto il settore in origine, inclusa la moda degli anni ’90 che ha fatto diversi ritorni “, ha affermato Brand Finance.

In termini di crescita del valore del marchio, Fila è seguita da Puma (25,9%), Dior (13,9%), l’azienda di gioielli danese Pandora (12,9%) e Lululemon (12,9%). Più in basso nella lista, Giorgio Armani ha registrato una variazione del 6,9% nel valore del marchio.

Brand Finance ha scoperto che Coach ha registrato il calo maggiore del valore del marchio, in calo del 30,7% su base annua, poiché le sue “vendite e profitti hanno subito un duro colpo rispetto all’anno precedente”.

Burberry è caduto allo stesso modo dai dati di Band Finance, in calo del 25,7%, così come Victoria’s Secret (in calo del 21,8%), Hugo Boss (in calo del 21,5%), Prada (in calo del 21,4%), Under Armour (in calo del 19,7%) e Cartier (in calo del 19,5 %). per cento).

Brand Finance giudica le aziende anche in base alla loro “forza del marchio”, che tiene conto di “investimenti di marketing, familiarità con i clienti, soddisfazione del personale e reputazione aziendale” di un’azienda.

Su questo fronte, Rolex è tornato al top anche quest’anno, con un punteggio del Brand Strength Index di 89,6 su 100 e una corrispondente valutazione di forza del marchio Elite AAA +.

Nella top 5 “Brand Strength” anche: Moncler , che ha guadagnato 6 posizioni rispetto allo scorso anno; Gucci , che è in calo di 3 posizioni; Nike, anch’essa in calo di tre, e Hermès.

Brand Finance ha costantemente affermato che “la ragione più fondamentale per condurre queste analisi di valutazione è scoprire come i marchi, cioè i marchi e la proprietà intellettuale ad essi associata – migliorare le prestazioni finanziarie di un’azienda “, che i marchi realizzano” influenzando le percezioni che i clienti, i dipendenti e altre parti interessate rilevanti. ”

La società di consulenza afferma che, a seguito dei suoi vari esercizi di classificazione, ha scoperto che gli elementi e le risorse specifici del marchio “costituiscono costantemente dal 20 al 25 percento del valore delle società quotate”.

Brand Finance

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.