Balenciaga apre uno stabilimento produttivo italiano

Reading Time: 1 minute read

Balenciaga sta pianificando di aprire il suo primo stabilimento di produzione in Italia per il 2021. Il nuovo stabilimento sarà concentrato sulla produzione di accessori e sarà situato in Toscana a Cerreto Guidi, in Italia, a 40 chilometri da Firenze.

Piuttosto che costruire una fabbrica completamente nuova, Kering sta mantenendo i propri obiettivi di sostenibilità e convertendo un edificio esistente.

Il nuovo stabilimento dovrebbe portare 300 posti di lavoro in Italia.

Una nuova fabbrica da 10.000 metri quadrati. Un centro di formazione interno.

Questo impianto aiuterà Balenciaga a migliorare la sua catena di fornitura. Balenciaga è considerata una delle più grandi star del roster di marchi di lusso di Kering, che include anche l’attuale gioiello della corona Gucci e la leggendaria casa di moda Alexander McQueen.

Bottega Veneta ha anche prodotto grandi guadagni per la casa madre e sotto la direzione creativa del designer Daniel Lee.

Balenciaga è attualmente il secondo marchio più performante di Kering subito dopo Gucci.

Il marchio ha registrato una crescita a doppia cifra sia nei canali al dettaglio che all’ingrosso per il terzo trimestre 2020.

Foto di copertina per gentile concessione di Balenciaga.

Condividi nei social

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, allora aderisci al: Reporters Freelance.

Possiedi una Mercedes nuova o d’epoca?

Entra nella comunità internazionale dei proprietari Mercedes di oltre 6000 iscritti…e se possiedi una SL d’epoca od una nuova SLK, condividi la tua passione con altri proprietari di SL/SLK) nel primo Registro Italiano, nato nel 1994. Se desideri leggere le ultime novità e notizie, iscriviti al: Mercedes Style Magazine.

Per gli amatori e professionisti del Ciclismo…

Se desideri dialogare con altri del tuo sport, invitiamo a iscriversi in questo gruppo. Per quelli che, invece, preferiscono leggere periodiche notizie c’è una pagina nel social Facebook.