Bangladesh blocca decine di migliaia di siti e app porno

Reading Time: 1 minute read

Il Bangladesh ha bloccato decine di migliaia di siti e app e sta controllando gli account dei social media delle celebrità, nel tentativo di spazzare via Internet dalla pornografia della nazione.

L’epurazione del porno arriva come parte della spinta del governo a reprimere i contenuti orientati agli adulti come il porno e il gioco d’azzardo, che ha avuto origine con una decisione di novembre nella High Court del Bangladesh, secondo Al Jazeera.

Il governo del Bangladesh ha recentemente ordinato a un’attrice locale di eliminare quelle che ha determinato fossero immagini provocatorie dai suoi vari account sui social media, riferisce Al Jazeera .

Le autorità del Bangladesh hanno bloccato quasi 20.000 siti Web nell’ambito di una “guerra” anti-pornografia.

Il Bangladesh, un paese di 165 milioni di persone, ha oltre 90 milioni di utenti Internet. Le pornostar sono regolarmente in cima all’elenco dei nomi più cercati.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.