BASF mira a cambiare il modo in cui vengono prodotte le batterie

Reading Time: 1 minute read

BASF SE (FRA: BAS), con sede in Germania, il più grande produttore chimico al mondo, ha delineato la sua strategia di materiali per batterie a lungo termine, incentrata sui catodici attivi, compreso il manganese.

In una presentazione al Vienna Motor Symposium della scorsa settimana, Peter Schumacher, Presidente della divisione Catalysts di BASF, ha riferito che due nuovi siti di produzione di materiali attivi per catodi per batterie (CAM) in Finlandia e Germania dovrebbero entrare in funzione nel 2022.

La parte catodica di una batteria è l’elettrodo positivo che acquisisce elettroni dal circuito esterno e viene ridotto durante la reazione elettrochimica, e tipicamente il componente attivo primario del catodo è stato il cobalto.

BASF ritiene che i materiali per batterie, in particolare i materiali catodici attivi, siano “una delle maggiori aree di crescita del mercato chimico” e si è impegnata a investire una “quantità significativa di denaro” nella sua attività relativa ai materiali per batterie nei prossimi quattro anni.

Fonti nel testo

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.