Benetton sospende i nuovi ordini dai fornitori del Myanmar

Reading Time: 1 minute read

Il gruppo italiano Benetton ha dichiarato di aver immediatamente sospeso tutti i nuovi ordini dai suoi fornitori in Myanmar a causa delle preoccupazioni per l’aumento della violenza nella nazione del sud-est asiatico dopo la cacciata del governo di Aung San Suu Kyi il mese scorso.

Secondo il sito web del gruppo italiano, Myanamar rappresenta il 2% dei fornitori di Benetton.

Gli attivisti del Myanmar hanno tenuto più manifestazioni contro la giunta del paese venerdì, un giorno dopo che un gruppo per i diritti umani ha dichiarato che le forze di sicurezza hanno ucciso 12 manifestanti.

Più di 70 manifestanti sono stati uccisi dal colpo di stato, ha detto il gruppo di difesa dell’Associazione di assistenza per i prigionieri politici (AAPP).

Benetton ha affermato che la sua mossa intende dare un “segnale forte e tangibile” a sostegno di valori come l’integrazione e la non violenza.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.