Bollo Auto, niente delazione

Reading Time: 1 minute read

Numerosi nostri utenti toscani hanno chiesto il motivo per il quale, essendoci in corso una pandemia ed il lavoro è piuttosto precario, il tributo del bollo auto non viene dilazionato come avviene con la tassa dei rifiuti, ed inoltre per coloro che non hanno reddito per disoccupazione gli viene concesso l’esenzione totale.

Quanto sopra è una mail spedita a vari enti istituzionali ed al governatore della Toscana; oggi 11 Maggio il Presidente Eugenio Giani ha risposto con la seguente mail:

Spett.le Redazione,

pur comprendendo le richieste dei cittadini, il motivo per il quale, a differenza di alcune altre tasse, il bollo auto è pagato in unica soluzione dipende dalle disposizioni di legge nazionale che prevedono che la tassa abbia una validità/periodicità annuale e che sia ordinariamente versata nel corso del mese successivo alla scadenza dell’ultima tassa dovuta.

E’ tuttavia prevista la possibilità di dilazionare il debito non pagato nei termini ordinari nel caso di recupero del dovuto tramite la cartella esattoriale.

Inoltre, essendo una tassa legata al possesso di un veicolo, la normativa nazionale prevede esenzioni soggettive limitate ai casi di disabilità.

Al momento non sono previste esenzioni specifiche legate al reddito.

Cordialmente
——————————–

Presidente Eugenio Giani
GIUNTA REGIONALE TOSCANA
Piazza Duomo 10 – Firenze

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.