BRI esorta le banche centrali ad agire rapidamente su valute digitali

Reading Time: 1 minute read

Le banche centrali in Europa, Regno Unito e Stati Uniti stanno valutando l’avvio della CBDC, ma solo la Bank of China ha preso provvedimenti concreti avviando studi.

Coeure ha apprezzato che l’Unione Europea ha una posizione unica per affrontare il futuro in questo campo costruendo un sistema di pagamento veloce, aperto e solido, fornito dalle normative sulla protezione dei dati.

Le grandi banche centrali devono ora continuare i progetti di valuta digitale per evitare di rimanere indietro rispetto alle iniziative di pagamento del settore privato, che sono già in atto, ha detto oggi a Reuters Benoit Coeure, direttore dell’innovazione presso la Banca dei regolamenti internazionali (BRI). , citato da Agerpres.

Il coinvolgimento delle società nei pagamenti digitali, tra cui Facebook con la sua valuta stabile, è accelerato durante la pandemia, poiché vengono effettuate transazioni con carta senza contatto e le banche centrali sono in ritardo rispetto alle grandi aziende tecnologiche (Big Tech) in un momento in cui alcuni paesi stanno mettendo in discussione il futuro del denaro.

È attualmente in corso un progetto separato, guidato dalla Banca dei regolamenti internazionali, per esplorare l’uso delle valute digitali della banca centrale per i pagamenti transfrontalieri. Nel progetto sono coinvolte le banche centrali di Cina, Hong Kong, Thailandia ed Emirati Arabi Uniti (UAE).

Le valute digitali della banca centrale (CBDC) consentiranno ai loro titolari di effettuare pagamenti online, possibilmente anche offline, in competizione con gli attuali metodi di pagamento elettronico, come portafogli digitali, banche online o criptovalute.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.