Burberry il prototipo per gli evangelisti dei dati marketing

Reading Time: 1 minute read

Burberry è un’eccezione, essendo il prototipo per gli evangelisti dei dati. Il marchio britannico utilizza l’analisi del comportamento dei consumatori per capire come indirizzare la propria base di consumatori. Inoltre, Burberry utilizza il cloud computing e i big data per adeguare le sue campagne di marketing.

Nel caso di Burberry, l’intero modello di vendita al dettaglio omnicanale dell’azienda è abilitato dall’analisi dei dati.

Ad esempio, il programma Customer 360 utilizza le preferenze di stile del cliente e la cronologia degli acquisti per offrire un’esperienza di acquisto personalizzata.

Secondo Bernard Marr, un collaboratore di Forbes , la potenza britannica della moda di lusso è diventata un business digitale “end to end”, grazie al suo utilizzo di Big Data e intelligenza artificiale (AI) .

Gli esperti di marketing B2C comprendono l’importanza di raccogliere informazioni dai dati dei consumatori, ma, cosa abbastanza interessante, non tutte le aziende sanno come utilizzare i propri dati per aumentare l’attrattiva del marchio, comprendere i propri clienti o connettersi con quelli più fedeli.

I marchi di lusso in Cina utilizzano i mini programmi WeChat per promuovere gli LTO durante il Singles ‘Day , il Chinese Spring Festival, il Mid-Autumn Festival e il Qixi Valentine’s Day, ma non sempre riescono a fidelizzare i clienti.

Queste strategie di marketing ‘volanti’ funzionano particolarmente bene con i dati demografici più giovani ( millennial e Gen Zers ) perché sono ossessionati dalla FOMO (una “paura di perdere qualcosa”).

Il marketing video breve viene utilizzato per migliorare le metriche del marketing comportamentale, e, quindi i video post-vendita sono un ottimo strumento per promuovere ulteriormente un marchio.


[Vuoi sponsorizzare articoli di questo tipo ? Hai articoli interessanti che promuovono il tuo prodotto/servizio in questo settore? Invia una mail a: info@pmcomunicazione.com]


Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.