Cambogia, pagamenti interbancari basati su DLT in valuta digitale

Reading Time: 1 minute read

La Cambogia ha in programma di lanciare una valuta digitale della banca centrale (CBDC) nel giro di pochi mesi, questo secondo il quotidiano locale Phnom Penh Pos t. La National Bank of Cambodia ha infatti collaborato con la società giapponese blockchain Soramitsu la quale ha creato un sistema di pagamento in tempo reale (RTGPS), basato sulla tecnologia di contabilità distribuita Hyperledger Iroha (DLT).

Il direttore generale della banca centrale, Chea Serey, ha dichiarato che alla fine prevede di consentire pagamenti trans-frontalieri attraverso il sistema Bakong.

La funzionalità di pagamento supporterà i pagamenti multi-valuta nazionali sin dall’inizio, sulla base di una descrizione del sito Web della società blockchain Soramitsu .

La piattaforma blockchain supporterà transazioni in dollari statunitensi e Riel. La descrizione “quasi” è perché i dollari sono detenuti presso la banca centrale.

Sei banche centrali hanno deciso di collaborare alla ricerca. Le banche coinvolte sono la Bank of Canada , la Bank of England, la Bank of Japan , la Banca centrale europea (BCE), la Sveriges Riksbank (Svezia), la Banca nazionale svizzera e la BRI.

Nel frattempo, Hong Kong e la Thailandia hanno recentemente svelato i risultati delle loro ultime ricerche collaborative.

FM / Fonti varie

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.