Chanel Domaine de l’Ile presenta il suo vino rosato provenzale

Reading Time: 1 minute read

Il mondo della moda non è poi così lontano da quello della vinificazione. L’azienda Chanel ha arricchito il suo portafoglio Bacchic acquisendo Domaine d’Ile, un vigneto di 34 ettari sull’isola di Porquerolles nel sud della Francia e ha creato il suo primo vino rosato provenzale.

Chanel, ricordiamo, è anche proprietaria delle tenute vinicole di Bordeaux Canon e Berliquet nella denominazione Saint-Emilion, nonché di Rauzan-Ségla a Margaux.

“Il terroir di Domaine de l’Ile è unico e ha una storia straordinaria” spiega Nicolas Audebert, ingegnere agrario ed enologo incaricato della gestione di questi vigneti, descrivendo il vigneto che oggi fa parte dell’illustre etichetta di lusso.

La prima vendemmia è stata effettuata durante la stagione 2019. Il rosé 2019, classificato come Côtes de Provence, è disponibile tramite i commercianti di vino online, a 19,90 euro a bottiglia.

Chanel, con il Domaine de l’Ile, ha già inventato anche un vino bianco “gastronomico”, acquistabile alla modica cifra di 24,90 euro. Anche il bianco e il rosato sono classificati come vini biologici.

Testo e foto di Domaine de l’lle

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.