Glass of red wine in the cellar

Chianti Black Rooster Wine Tuscany

Reading Time: 1 minute read

Il vino Chianti (“kee-on-tee”) è una miscela rossa della Toscana, in Italia, prodotta principalmente con uve Sangiovese. Le sue radici risalgono al 1716 quando il Granduca di Toscana, Cosimo de’ Medici III, dichiarò per la prima volta che, in questa regione d’Italia, era possibile produrre un vino, identificabile dalla sua famosa etichetta, che raffigura il Gallo Nero.

La percezione comune è che il nome Chianti derivi dalla parola usata per descrivere gli audaci richiami del gallo nero che si possono udire nei fitti boschi della zona.

Il Sangiovese costituisce la maggior parte del blend del Chianti ed è un’uva dalla buccia sottile, quindi produce vini traslucidi.

Nel bicchiere, il Sangiovese si presenta con un colore rosso rubino con lampi di arancia bruciata brillante, una tonalità comunemente associata ai vini invecchiati.

Oltre al Sangiovese, i vini del Chianti possono contenere uve da vino come Canaiolo, Colorino, Cabernet Sauvignon e persino Merlot.

L’alta acidità taglia i piatti grassi più ricchi e resiste alle salse di pomodoro.

Tutto quel tannino secco e polveroso rende i vini Chianti ideali con piatti che utilizzano olio d’oliva o esaltano pezzi di carne ricchi come la Bistecca Alla Fiorentina.

Il Chianti è una piccola regione della Toscana, ma un vino che si chiama “Chianti” può essere prodotto quasi ovunque in Toscana. Per questo motivo il Chianti ha 8 sotto zone.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.