Chiesa bizantina del “Glorioso martire” scoperta in Israele

Reading Time: 1 minute read

Gli archeologi hanno rivelato le reliquie ben conservate di una chiesa del VI secolo in Israele nella città di Beit Shemesh, a ovest di Gerusalemme, in una chiesa dedicata a un “glorioso martire”.

Completo di cripta, mosaici elaborati e una vasta collezione di lampade, i manufatti sono stati raffigurati dall’Autorità israeliana per le antichità.

Gli archeologi hanno iniziato a lavorare sulla chiesa nel 2017, scoprendo che risale all’Impero bizantino e ha un’impronta che copre circa un terzo di un acro.

Si pensa che sia stato usato dai pellegrini che viaggiano attraverso la regione santa fino a quando non fu abbandonato nel settimo secolo.

I mosaici nella chiesa raffigurano temi della natura, come foglie, uccelli e frutti, nonché elementi geometrici, secondo la Israel Antiquities Authority, che ha effettuato lo scavo.

La maggior parte della costruzione della chiesa iniziò durante il regno dell’imperatore Giustiniano, che governò tra il 527-565, con una cappella aggiunta in seguito sotto l’imperatore Tiberio II Costantino, con il suo raro sostegno finanziario, secondo l’IAA in una nota.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.