Cinque banche centrali si uniscono per esplorare valute digitali

Reading Time: 1 minute read

La Bank of England, la Bank of Japan, la Banca centrale europea, la Bank of Canada e la Sveriges Riksbank (banca centrale svedese) insieme alla Bank of International Settlement hanno recentemente annunciato di essersi uniti per ricercare valute digitali della banca centrale .

Il nuovo gruppo, presieduto da Benoît Cœuré, capo dell’Innovation Hub della Banca dei regolamenti internazionali (BRI), e Jon Cunliffe, vice governatore della Banca d’Inghilterra e presidente del Comitato per i pagamenti e le infrastrutture di mercato della BRI, condividi apertamente le loro scoperte ed esperienze. Esamineranno le tecnologie emergenti, i casi d’uso e le opzioni di progettazione della valuta digitale, incluso il modo in cui tali valute funzionerebbero oltre i confini nazionali.

La formazione del gruppo non è un impegno a lanciare una valuta digitale della banca centrale, ma la coalizione mostra fino a che punto è arrivata l’idea e quanto peso ha con le banche centrali. In effetti, un sondaggio condotto dalla BRI un anno fa ha rilevato che circa il 70% delle banche centrali aveva progetti di valuta digitale delle banche centrali in corso o in corso.

Fonte : singulartyhub.com

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.