Clima, Lloyd’s decidono di porre fine ad assicurazioni e investimenti nel carbone

Reading Time: 1 minute read

Il mercato dei Lloyd’s si sta muovendo per porre fine alla sua assicurazione sulle attività di carbone e sabbie bituminose, cessando allo stesso tempo gli investimenti in tali attività produttrici di carbonio entro il 1 ° gennaio 2022.

Come parte del suo piano per accelerare la transizione verso un mercato assicurativo e riassicurativo più sostenibile, Lloyd’s ha sviluppato una strategia a livello di mercato che mira ad allinearsi con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e supporta i principi inclusi nell’accordo di Parigi sul clima (che ha segnato il suo quinto anniversario nel dicembre 2020).

Una parte importante della sua strategia di sostenibilità consiste nel chiedere agli agenti di gestione dei Lloyd’s di eliminare gradualmente la nuova copertura assicurativa per le centrali termiche a carbone, le miniere di carbone termico, le sabbie bituminose o le nuove attività di esplorazione energetica dell’Artico a partire dal 1 ° gennaio 2022.

La strategia include anche porre fine ai nuovi investimenti in queste aree da parte dei partecipanti al mercato dei Lloyd’s e della Corporation of Lloyd’s dal 1 ° gennaio 2022, secondo il primo rapporto ambientale, sociale e di governance 2020 dei Lloyd .

Fonte: Lloyd’s

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.