Come trasferire una opera di arte sulla blockchain

Reading Time: 2 minutes read

Un grosso problema con la produzione e la vendita di arte digitale è la facilità con cui può essere duplicata e piratata. L’opinione popolare è che una volta che qualcosa viene copiato e replicato gratuitamente, il valore scende e la prospettiva di un mercato scompare. La maggior parte dei collezionisti ritiene che, per avere valore, l’arte debba avere una scarsità misurabile e dimostrabile.

Blockchain aiuta a risolvere questo problema per gli artisti digitali introducendo l’idea di “scarsità digitale”: l’emissione di un numero limitato di copie di un’opera d’arte, ciascuna associata a un token univoco emesso sulla blockchain. Questa scarsità dimostrabile è lo stesso concetto che consente a token come Bitcoin ed Ethereum di funzionare come valuta.

Blockchain art 1.0 era il selvaggio West, poiché non esisteva ancora un vero progetto su cui lavorare per artisti e tecnologi.

Sebbene spesso trascurato dai media mainstream, non c’è dubbio che la blockchain art 1.0 sia iniziata con Rare Pepe Wallet di Joe Looney il quale ha aperto la strada alle possibilità di acquistare, vendere, scambiare, modificare, regalare e distruggere opere d’arte digitali sul blockchain.

Joe e la comunità di Rare Pepe non solo hanno concepito il primo mercato di questo tipo, ma dovevano per primi dimostrare che poteva funzionare su larga scala, vendendo arte digitale per un valore di oltre 1,2 milioni di dollari.

Blockchain art 2.0 è iniziata dopo l’esplosione di CryptoKitties e la gente ha visto che c’era effettivamente un’opportunità per fare soldi con l’arte digitale sulla blockchain.

Una mezza dozzina di startup del mercato dell’arte blockchain sono state lanciate con funzionalità abbastanza simili tra loro. Erano quasi tutti basati su Ethereum, presentavano interfacce professionali eleganti e semplificavano la tokenizzazione dell’arte.

Le offerte Blockchain 2.0 includono SuperRare , KnownOrigin , Portion , RareArtLabs e DigitalObjects. Nella blockchain 2.0, le offerte erano abbastanza simili in superficie che erano davvero gli artisti che queste startup erano in grado di attrarre a separarle l’una dall’altra più della tecnologia.

Poi è arrivata la blockchain art 3.0 ove gli artisti possono assumere il controllo dell’intero processo, aiutati da strumenti che semplificano la tokenizzazione delle opere d’arte e non richiedono abilità di codifica o conoscenze tecniche.

Attualmente ci sentiamo di consigliare queste due possibilità:

1) Piattaforma Pixura (beta) : consente a chiunque di emettere e vendere oggetti virtuali sulla blockchain di Ethereum, inclusi oggetti d’arte e rari oggetti da collezione digitali

2) Freeport.io (pre-alpha) – Consente alle persone di raccogliere, creare e scambiare asset di criptovalute emessi sulla controparte utilizzando la blockchain di Bitcoin

Sono due soluzioni complementari che funzionano rispettivamente sulle blockchain di Ethereum e Bitcoin. Ciò che distingue questi due strumenti è il fatto di essere sviluppati da persone hanno già avuto successo su larga scala, nella costruzione dei propri mercati d’arte attivi basati su blockchain.

Fonti
Coin Central / BlockArt

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.