Conciliare figli piccoli con lo sport del ciclismo

Reading Time: 3 minutes read

Diventare padre per la prima volta è un’esperienza senza dubbio meravigliosa, ma iniziano una serie di sfide significative. Indipendenza ridotta, privazione del sonno, riduzione del tempo personale – tutti fattori che possono rendere difficile rimanere impegnati nella vita di un ciclista. Abbiamo letto l’esperienza di Nathan Hosking e la riportiamo nel magazine ridersbike.

Ho scoperto il ciclismo nel 2010, all’età di 30 anni, dopo una carriera di poco successo come atleta di campi sportivi di fine settimana con l’Old Trinity, arrivando all’altezza della State League 4 (penso al grado vittoriano Road Series B). Mi ero sempre impegnato a rimanere in forma e quindi ho pensato che, il ciclismo, sarebbe stato un buon modo per mantenere quell’impegno sin dall’inizio dei miei 30 anni. Questo prima che venissi a conoscenza della Gran Fondo di Amy e qualcosa nei weekend estivi chiamato “criterium racing”. Avanti veloce a metà 2016 e mi sono fatto strada fino ad essere un forte corridore di critici di livello B / medio.

Alla mia prima lezione di Dads & Bubs l’istruttore ha chiesto quali “cambiamenti nello stile di vita” ci si aspettava e, tutti, erano associati alla paternità. “Prestazioni atletiche ridotte!” Disse qualcuno nell’angolo. “Parla per te, amico!” Fu la mia risposta mentale: ero determinato a mostrargli, e in generale alla società, che diventare papà non significa un viaggio di sola andata verso il declino fisico, come spesso sentiamo.

A questo punto lasciami dire che nulla ti prepara mentalmente per l’evento che cambia la vita che è genitorialità. Sentirai un buon consiglio e sentirai storie dell’orrore sulla privazione del sonno, pannolini sporchi e nervi sfilacciati. Ma per me, mentre il grande giorno si avvicinava, ho dovuto bloccare tutto – nessuno avrebbe fatto questo per me e la loro esperienza non sarebbe stata la mia esperienza. Come la maggior parte delle cose nella vita, non sai mai come reagirai a qualcosa fino a che non ci sarai nel profondo del collo.

Detto questo, essere abituato alle 5.00 di mattina e le corse in bici di tre ore mi hanno dato un buon vantaggio. Attraverso gli allarmi, i mangimi, i pannolini puzzolenti e i polmoni lamentosi a tarda notte, ho scoperto che essere un roadie dedicato era in realtà un vantaggio. Ero ben consapevole delle sfide che comportava operare in uno stato di stanchezza, avendo fatto ciò negli ultimi cinque anni.

Non mi ci è voluto molto per scoprire che il tempo è il più grande prodotto che abbiamo. Certo, i soldi sono buoni, ma alla fine della giornata non hai bisogno di spendere soldi per quei lucenti cerchi in carbonio. Per quanto riguarda il tempo: beh, non hai davvero alcuna scelta in merito – devi spenderlo a prescindere.

Ho scoperto che cambiare il mio approccio all’allenamento – dalla distanza di rilevamento al tempo di tracciamento – era di grande beneficio. Quella piccola caratteristica “obiettivo settimanale” vale da sola. Fare tutto ciò che è necessario, significa che stavo ancora gestendo 8-10 ore di tempo di sella alla settimana, che è più che sufficiente per essere competitivi in ​​qualsiasi gara di livello B che Melbourne possa offrire.

Nonostante tutte queste considerazioni, le prime settimane di genitorialità mi colpiscono ancora molto. L’interruzione del sonno e la routine quotidiana sono qualcosa che devi affrontare in quel momento. Fortunatamente per quelli di noi qui in Australia, abbiamo due settimane di congedo per paternità, che puoi usare per trascorrere con la tua nuova famiglia. E credimi, lo vorrai.

Il periodo di transizione è difficile, ma quello che dicono sui bambini è vero – è diverso quando sono i tuoi. Notte e giorno, bianco e nero – è una vita completamente nuova.

L’esperienza di diventare padre e l’ulteriore responsabilità che comporta è qualcosa di veramente speciale.

Una volta avevo un ritmo, ho scoperto di avere un periodo di 2-3 ore in cui mi sentivo un po ‘umano, normalmente dalle 18 alle 21. Una sessione di allenamento indoor ha mantenuto le cose durante questo periodo. Qualunque cosa era meglio di niente, in più era una fuga mentale pur essendo fisicamente disponibile per la mia nuova famiglia. Non è stato un giro facile, ma anche in questo caso niente di veramente bello è mai stato facile. Ma il ciclismo è uno sport difficile, e noi ciclisti siamo preparati ed allenati agli obiettivi.

La paternità non è davvero un motivo per smettere di amare la tua bicicletta, quindi qualsiasi forma di ciclismo ti prende per i post-bambini, assicurati che sia quella che funziona per te. Fallo e ti tratterai con uno stile di vita attivo e continuativo che pagherà dividendi per gli anni a venire.

I tuoi figli ti ringrazieranno per questo.

In che modo i figli hanno influenzato il tuo ciclismo? Hai trovato un modo per assicurarti di avere ancora tempo sulla bici? Scrivi la tua esperienza nei commenti.

Condividi nei social

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, allora aderisci al: Reporters Freelance.

Possiedi una Mercedes nuova o d’epoca?

Entra nella comunità internazionale dei proprietari Mercedes di oltre 6000 iscritti…e se possiedi una SL d’epoca od una nuova SLK, condividi la tua passione con altri proprietari di SL/SLK) nel primo Registro Italiano, nato nel 1994. Se desideri leggere le ultime novità e notizie, iscriviti al: Mercedes Style Magazine.

Per gli amatori e professionisti del Ciclismo…

Se desideri dialogare con altri del tuo sport, invitiamo a iscriversi in questo gruppo. Per quelli che, invece, preferiscono leggere periodiche notizie c’è una pagina nel social Facebook.