Consumatori resilienti in un mondo post-pandemia

Reading Time: 3 minutes read

Il 2020 è stato un anno che nessuno vedeva arrivare, Covid-19 ha provocato una crisi economica, politica ed emotiva, mettendo alla prova i limiti di individui, famiglie, sistemi sanitari e interi settori della società. Tuttavia, come osserva il nono rapporto annuale Looking further with Ford Trends, la pandemia rivela anche quanto siamo capaci di trovare modi per far fronte e adattarci.

In un sondaggio condotto in 14 paesi, il 69% dei partecipanti afferma di essere stanco dei cambiamenti in atto nel mondo.

Alla domanda su come si sono adattati ai cambiamenti durante la pandemia, il 53% afferma che l’adattamento è stato “più difficile di quanto immaginavano”, mentre il 47% afferma che è stato “più facile di quanto pensassero. Ho pensato. Per le giovani generazioni è stato più difficile che per i più grandi: il 63% della Generazione Z afferma che l’adattamento è stato più difficile di quanto immaginassero, rispetto al 42% dei Boomer che la pensano allo stesso modo.

Il rapporto sulle tendenze di Ford 2021 esamina questi modelli di cambiamento nel comportamento e negli atteggiamenti dei consumatori in tutto il mondo per aiutare i responsabili delle decisioni a capire come questi cambiamenti possono influenzare a livello globale nel 2021 e oltre. Alcune tendenze evidenziate nel rapporto includono:

Punti di pressione: in tutto il mondo, l’ansia è alta, causata dalla paura di contrarre il Covid-19 e dalle preoccupazioni per l’impatto della pandemia sulle comunità, sull’occupazione, sull’istruzione, tra gli altri. Il 63% degli adulti afferma di sentirsi più stressato rispetto a un anno fa e 4 su 5 afferma che dovrebbe prendersi più cura del proprio benessere emotivo. Consapevoli delle implicazioni sulla salute mentale della pandemia, le persone stanno trovando modi innovativi per affrontare questo problema e connettersi.

È ora di scappare: la frase “Che giorno è?” è diventato comune quando i confini tra lavoro e vita scompaiono. Per superare la monotonia della pandemia e del confinamento domestico, i consumatori sono alla ricerca di nuove vie di fuga e molti cercano rifugio nei loro veicoli. Più di 1 adulto su 4 nel mondo che possiede un veicolo afferma di usarlo per rilassarsi. Circa 1 su 5 afferma di usare la propria auto per trovare privacy. E il 17% afferma di usarlo come luogo di lavoro.
Solitudine vs. Compagnia : la pandemia ha evidenziato il bisogno di compagnia dei consumatori e ha rimodellato il loro senso di famiglia. La solitudine è onnipresente in tutto il mondo. Una persona su due afferma di sentirsi regolarmente sola. Le generazioni più giovani lo sentono in modo più acuto: la Gen Z ha quasi il doppio delle probabilità di affermare di sentirsi sole su base regolare rispetto ai Boomer ( 64% contro 34% ). Di conseguenza, molti stanno riconsiderando dove vivono, avvicinandosi alla famiglia e trovando nuove forme di compagnia, sia online che offline.

Il divario si sta allargando: in tutto il mondo, divari di disuguaglianza e disuguaglianza incombono su di noi, soprattutto perché la pandemia ha avuto un impatto sproporzionato sulle comunità a basso reddito, le minoranze etniche e le donne. Man mano che i consumatori diventano più consapevoli del divario, i marchi si stanno intensificando come attivisti e imprenditori. Il 76% degli adulti in tutto il mondo ha detto che invitare i produttori a prendere posizione su questioni sociali, e il 75% afferma di credere che i marchi attuali stanno cercando di fare la cosa giusta.
Buon shopping: nel bel mezzo della pandemia, il modo in cui facciamo acquisti – e ciò che cerchiamo di acquistare – è stato trasformato. Le aziende grandi e piccole si stanno adattando a una velocità inimmaginabile e molti consumatori si stanno godendo la nuova normalità. Il 75% degli adulti afferma di apprezzare il modo in cui le aziende hanno migliorato l’esperienza di acquisto dall’inizio della pandemia e il 41% ha affermato di non voler fare come hanno acquistato prima della pandemia.

Sicurezza stradale: la pandemia può farti sentire intrappolato, ma non siamo a un punto morto: il trasporto personale è fiorente. Le vendite di biciclette sono aumentate e le città hanno chiuso le strade per fare spazio ai ciclisti. La vendita di automobili è aumentata enormemente, poiché le persone cercano sicurezza per poter controllare il loro ambiente. E la pianificazione intelligente della città sta accelerando il percorso verso la piena implementazione della guida autonoma. Il 67% degli adulti in tutto il mondo dire che hanno “speranza per il futuro dei veicoli autonomi, e il 68% dei genitori dicono che preferiscono per vedere i loro figli in una macchina di guida da sola con uno sconosciuto.

Sostenibilità: nei primi giorni della pandemia, la qualità dell’aria è emersa come una speranza per il mondo, ma quell’ottimismo è rapidamente diminuito mentre il mondo si è rivolto alla plastica e ad altri prodotti usa e getta, rendendo chiaro che essere sostenibile e rimanere sostenibili non sempre vanno di pari passo. Le generazioni più giovani sono particolarmente preoccupate: il 46% dei membri della Gen Z a livello globale afferma che la pandemia ci ha fatto spendere e il 47% afferma che, a lungo termine, la pandemia avrà un impatto negativo sull’ambiente. ambiente.

Fonte: Looking further with Ford 2021 Trends

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.