Corea Sud, 500 casi di coronavirus provengono da chiesa Shincheonji

Reading Time: 2 minutes read

Una setta apocalittica il cui leader afferma di essere un angelo di Gesù è diventato il più grande gruppo di infezioni da coronavirus in Corea del Sud, che ora guida il mondo in caso di malattia COVID-19 al di fuori della Cina.

Il presidente Moon Jae-in ha messo il suo paese in stato di massima allerta per le malattie infettive, ordinando ai funzionari di adottare misure “senza precedenti e potenti” per combattere un impennata virale impennata che conta 1.100 casi e 11 morti, per lo più legati a una congregazione e un ospedale.

Più di 400 di quelli infetti sono stati direttamente collegati a una singola casa di culto, un ramo Daegu della chiesa di Gesù Shincheonji, Tempio del Tabernacolo della Testimonianza – visto come un culto dalle principali organizzazioni cristiane coreane.

A livello nazionale, i Korea Centers for Disease Control and Prevention (KCDC) hanno attribuito 501 dei 977 casi (a partire dall’ultima ripartizione del 25 febbraio) ai membri di Shincheonji.

I funzionari stanno anche studiando un possibile legame tra i fedeli e il picco di infezioni nell’ospedale di Cheongdo, dove finora sono state contagiate più di 100 persone, per lo più pazienti in un reparto di malattie mentali.

Funzionari sanitari stavano sottoponendo a screening circa 9.300 seguaci della chiesa e dissero che 1.261 di loro avevano mostrato tosse e altri sintomi.

Shincheonji ha fornito un elenco di 212.000 membri che il governo ha promesso di sottoporre a screening per i sintomi respiratori, ha riferito l’agenzia di stampa Yonhap.

Tra questi, quattro avevano viaggiato all’estero negli ultimi mesi, incluso uno in Cina, anche se quel viaggio è arrivato all’inizio di gennaio e non era vicino a Hubei.

Più di 1.000 chiese e altre strutture gestite da Shincheonji in Corea del Sud sono state chiuse e ai membri ed è stato detto di guardare i servizi su video. Gli insegnamenti della setta ruotano in gran parte intorno al Libro dell’Apocalisse.

Fonte : christianitytoday.com

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.