Coronavirus: India sta aumentando sostegni verso la Cina

Reading Time: 1 minute read

L’Indian Air Force ha evacuato 112 persone bloccate a Wuhan, la scorsa settimana, una delle numerose operazioni condotte dall’India nella città cinese nell’epicentro dell’epidemia di coronavirus. La scorsa settimana il capo di stato maggiore della Marina indiana ha visitato il Myanmar, non molto tempo dopo che anche il presidente cinese Xi Jinping ha visitato il paese.

Questa particolare missione ha condotto 36 persone, cittadini stranieri, principalmente dal Bangladesh, dal Myanmar e dalle Maldive, in quella città cinese.

L’evacuazione è stata in linea con la ” politica di vicinato ” del Primo Ministro indiano Narendra Modi, un punto che certamente non è stato perso nella copertura dei media locali in Myanmar.

L’India sembrava assicurarsi di sfruttare la possibilità di rafforzare le amicizie nella regione.

L’evacuazione è stata seguita da vicino da una visita di stato del presidente del Myanmar U Win Myint a Nuova Delhi per approfondire i legami bilaterali.

L’evacuazione è stata in qualche modo oscurata dall’intensa copertura mediatica della recente visita del presidente degli Stati Uniti Donald Trump in India, nonché dall’attenzione allo scoppio della violenza comunitaria nel paese.

Fonte : Lowy Institue .org

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.