Corrispondenza e Galateo, I maleducati nei social net

Reading Time: 1 minute read

L’esperta di comunicazione aziendale e autrice di “The Communication Clinic: 99 Proven Cures for the Most Common Business Mistakes”, Barbara Pachter ci ha indicato alcuni segnali importanti che sono alla base della maleducazione nei social net, come nel rispondere alle mail. Queste persone che si identificano in categorie professionali anche di un certo livello, come ad esempio consulenti aziendali, hanno dimenticato che i loro genitori si sono prodigati nel educarli.

Certo sembrerà anacronistico e qualcuno potrà anche riderci sopra se un professionista che si occupa di relazioni istituzionali, oppure è uno che si occupa di progetti per la internazionalizzazione delle imprese, od ancora di organizzare eventi, non sa come comportarsi in modo educato con i suoi interlocutori.

Pachter dice: “Sei un maleducato se non rispondi entro 24/48 ore dopo aver ricevuto una mail da chi ti chiede un parere o con le informazioni che hai richiesto. E stai certo che la cosiddetta legge del Karma si riverserà su di te in modo inesorabile“.

Ed aggiunge :”Consiglio sempre a quei professionisti maleducati nel evitare di mancare di rispetto ai loro interlocutori, perché ne subiranno le inevitabili conseguenze.“.

.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.