Covid-19, Effetti economici e sociali nel Mondo

Reading Time: 2 minutes read

Mentre il mondo lotta con la paura della recessione, il Medio Oriente e il Nord Africa (MENA) potrebbero essere i più colpiti da quella che è probabilmente una tempesta perfetta: il coronavirus si sta diffondendo nella regione e il crollo dei prezzi del petrolio. Questo in una regione già rastrellata da malcontento sociale e massicce proteste di strada.

Al 9 marzo, l’Iran aveva riportato oltre 7.100 infezioni e almeno 237 decessi. 1 È probabile che il rapido aumento delle infezioni interrompa la produzione e il commercio del paese. Con la diffusione del virus, le autorità iraniane hanno chiuso le scuole e cancellato eventi artistici e cinematografici, mentre i paesi vicini hanno chiuso i confini terrestri con l’Iran. 2 Altri paesi MENA hanno anche riportato infezioni.

Al 9 marzo, gli Emirati Arabi Uniti avevano segnalato 59 casi, Iraq 60, Bahrain 95 e Kuwait 65. Algeria, Egitto, Giordania, Libano, Marocco, Oman, Qatar, Arabia Saudita, Tunisia, Cisgiordania e Gaza, tutti hanno anche riportato infezioni da COVID-19.

La capacità di contenere il virus dipende dalla forza dei sistemi di sanità pubblica dei paesi MENA.

L’OMS classifica la maggior parte dei paesi MENA relativamente in alto tra i 191 sistemi sanitari del mondo (Tandon et al. 2000) – con poche eccezioni, come lo Yemen (al 146 ° posto) e Gibuti (al 170 °). Ma alcuni paesi MENA potrebbero avere difficoltà a contenere il virus. Ad esempio, le guerre in Siria e Yemen impediranno quasi sicuramente il corretto funzionamento dei sistemi sanitari in entrambi i paesi.

Di norma, i prezzi più bassi sono positivi per i paesi importatori di petrolio e negativi per gli esportatori di petrolio.

Un modo semplice per comprendere la dimensione dell’effetto del reddito reale è quello di moltiplicare la differenza tra produzione e consumo (esportazione netta di petrolio) per una quota del PIL per l’incremento percentuale del prezzo del petrolio (cfr. Figura 6).

Ad esempio, sulla base dell’ipotetica ipotesi che i prezzi del petrolio restassero del 48% al di sotto del livello del 2019, il Kuwait – dove le esportazioni nette di petrolio rappresentano il 43% del PIL – subirebbe un calo del reddito reale di circa il 20% del PIL.

Per lo stesso aumento di prezzo, il Marocco sperimenterebbe un aumento del reddito reale equivalente al 3% del PIL.

Fonte : unctd.org

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.