DEFIANT X DI BOEING E LOCKHEED MARTIN

Reading Time: 1 minute read

Il DEFIANT X è classificato come una futura piattaforma d’assalto a lungo raggio progettata per l’esercito americano. Inoltre, le capacità di base lo renderanno una scelta ideale per tipi specifici di missioni.

“DEFIANT X è un elicottero utilitario avanzato manovrabile che vola due volte più lontano e due volte più veloce dell’elicottero Black Hawk che sostituirà e si trova nella stessa impronta operativa“. Dice Boing

E’ un sistema d’arma d’assalto aereo che può volare basso e veloce, atterrare rapidamente, trasportare soldati nell’area dell’obiettivo (nota come ‘X’) ed uscire – il tutto mentre elude il nemico su terreni complessi.

Il sollevamento deriva dal suo sistema a doppio rotore coassiale che utilizza lame composite rigide che gli conferiscono un vantaggio tattico con una migliore agilità e manovrabilità.

Nel frattempo, la fusoliera utilizza anche materiali compositi che smorzano le vibrazioni ed è più resistente alla corrosione in condizioni difficili.

Poi c’è l’elica spintore nella parte posteriore che si occupa di accelerazione e decelerazione. Infine, il sistema di carrello di atterraggio retrattile riduce al minimo la resistenza aerodinamica durante il volo.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.