Droni, nuove armi per la distruzione della popolazione?

Reading Time: 2 minutes read

Gli sciami di droni, dice un analista, sono la nuova WMD (arma di distruzione di massa); I “ macellai ” sono la nuova tecnologia da incubo, dice un altro; un importante resoconto dei media descrive stormi “sinistri” di droni “davvero inquietanti” che ronzano i residenti nelle aree rurali e fanno temere la sorveglianza di massa, o peggio.

Naturalmente, i droni da soli non sono nuovi. Tuttavia, la novità è che gli stati canaglia, i gruppi terroristici e altri attori malevoli in tutto il mondo stanno cercando armi che possano fare meno danni ma che possano ancora rivaleggiare con le armi di distruzione di massa.

Durante la Guerra Fredda, gli analisti strategici ipotizzarono che gli stati avrebbero voluto le armi di distruzione di massa per una distruzione diffusa. Eppure negli ultimi tre decenni, diversi stati hanno usato agenti chimici – armi di distruzione di massa canoniche – in tempo di pace per l’assassinio di individui.

Si pensa che il dittatore nordcoreano Kim Jong Un abbia assassinato il suo fratellastro con l’agente nervino VX nel 2017. Un anno dopo, si sospettava che la Russia avesse usato un agente chimico Novichok a Salisbury, in Inghilterra , in un fallito tentativo di omicidio di un’ex spia russa. e sua figlia. La comunità dell’intelligence statunitense ha recentemente collegato il governo russo al tentato omicidio del dissidente russo Aleksei Navalny nel 2020 con un agente Novichok.

Gli attori geopolitici hanno spostato i risultati desiderati perché stanno già ottenendo l’impatto strategico che desiderano a livelli inferiori di distruzione.

Pensa a questo come a una nuova categoria di armamenti simile alle armi di distruzione di massa, anch’essa scalabile, poiché gli agenti chimici di cui sopra sono stati utilizzati per omicidi più mirati, ma più accessibili e con un impatto strategico simile. Chiama questa nuova categoria, per così dire, armi di agilità di massa (WMA).

Per le ragioni di cui sopra, tra le altre, gli stati nefasti e gli attori violenti non statali possono essere sempre più attratti dalle WMA. Quindi gli strateghi devono essere consapevoli di questa tendenza per contrastare la sua minaccia.

I droni di consumo armati, ad esempio, hanno il potenziale per suscitare paura tra il pubblico in generale. “Really creepy” è stato usato in risposta a quei droni che si libravano ma non facevano nulla, almeno che chiunque potesse scoprire.

Quali potrebbero essere le reazioni del pubblico se questa tecnologia di consumo fosse utilizzata per fini più malvagi?

In questo senso, i droni commerciali armati potrebbero quindi prendere in considerazione i calcoli strategici dei leader nazionali e internazionali in modi simili alle armi cibernetiche, biologiche e chimiche.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.