Dubai, la regione sta vivendo un crescente bisogno di sicurezza e difesa

Reading Time: 1 minute read

Dubai sta offrendo opportunità alle aziende con un portafoglio ampio, ma mirato a specifiche tecnologie. In questo range si posiziona anche l’azienda italiana ‘Leonardo’ come ha affermato Profumo in una intervista al recente AirShow2019. “Ciò spazia dalla cyber security, alla lotta contro i sistemi di droni, la sicurezza delle infrastrutture critiche, il controllo delle frontiere terrestri e blu alla difesa aerea”.

L’azienda italiana vede anche opportunità per il suo controllo del traffico aereo (ATM) e per i sistemi aerei senza pilota Traffic Control (UTC), mentre la regione di Dubai si concentra sull’innovazione della mobilità urbana e affronta uno spazio aereo commerciale sovraffollato.

“Siamo già in trattative con le aziende degli Emirati Arabi Uniti per opportunità commerciali e speriamo di essere in grado di rivelare alcune interessanti notizie la prossima settimana al Dubai Airshow”, ha affermato Profumo.

L’azienda italiana vede il potenziale per una relazione approfondita e maggiori sinergie dopo la creazione del conglomerato difensivo degli Emirati Arabi Uniti Edge, che include alcuni dei suoi partner esistenti come Abu Dhabi Ship Building, ha detto.

La compagnia presenterà una gamma di prodotti al Dubai Airshow, tra cui l’elicottero AgustaWestland AW169, gli aerei da addestramento M-346 e M-345 e il suo ultimo drone Falco Xplorer.

Negli Emirati Arabi Uniti, l’azienda iataliana ha già collaborazioni nei settori della manutenzione degli elicotteri, della costruzione navale e della sicurezza. Fornisce gli aerei di addestramento avanzato SF-260 e MB-339 per l’aeronautica militare degli Emirati Arabi Uniti. La Marina degli Emirati Arabi Uniti utilizza anche i sistemi di gestione della difesa e del combattimento navali di Leonardo.

A livello globale, è improbabile che la società subisca un forte impatto da una potenziale Brexit difficile, nonostante i suoi importanti legami commerciali nel settore della difesa con il Regno Unito.

Fonti varie

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.