Emirates converte 16 aerei passeggeri in cargo

Reading Time: 1 minute read

Una compagnia aerea con sede a Dubai, ha adattato 16 aerei passeggeri per il trasporto di merci e sta anche utilizzando parte della sua flotta per il trasporto di merci in cabina. La notizia proviene dal sito web di Arab News.

Nabil Sultan, vicepresidente senior della divisione di Emirates SkyCargo, ha detto che la compagnia aerea sta studiando la sua capacità, in un’intervista con Bloomberg TV domenica 9 maggio. “Finora abbiamo convertito 16 aerei passeggeri in voli completamente cargo”, ha detto.

“Stiamo anche utilizzando la flotta rimanente, dove mettiamo il carico nella cabina principale, essenzialmente per spostare merci come dispositivi di protezione individuale (DPI) e vari altri materiali medici”, ha detto.

La conversione di solito si verifica quando le principali compagnie aeree vedono diminuire il flusso di passeggeri e aumentare la domanda di trasporto merci.

Domenica scorsa, Emirates ha detto che inizierà a spedire gratuitamente aiuti in India per aiutare a combattere il coronavirus. Ciò si verifica in un momento in cui la domanda di merci aviotrasportate ha raggiunto il livello più alto mai registrato dallo scoppio della pandemia.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.