Etiopia utilizza blockchain di Cardano per monitorare prestazioni studenti

Reading Time: 1 minute read

Cardano ha confermato la sua partnership con il governo etiope per utilizzare la blockchain della piattaforma per snellire la gestione del sistema educativo del paese. Secondo IOHK, società madre di Cardano, l’accordo si rivolge a circa cinque milioni di studenti delle scuole secondarie e 700.000 insegnanti.

Il programma è alimentato dalla soluzione di identità decentralizzata denominata Atala PRISM.

Atala PRISM ID di IOHK aiuterà le autorità a creare un registro a prova di manomissione del rendimento scolastico degli studenti e ad individuare le aree e le cause del rendimento scolastico insufficiente.

Il sistema offrirà anche agli studenti qualifiche digitali verificate tramite blockchain che cercano di ridurre l’ingresso fraudolento all’università e le domande di lavoro. Inoltre, i datori di lavoro potranno verificare tutti i voti degli studenti senza fare affidamento su terzi.

Il primo anno di onboarding comporterà l’aggiunta di tutti gli insegnanti e delle 3.500 scuole. Nel secondo anno il progetto porterà a bordo tutti i cinque milioni di studenti delle scuole secondarie.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.