Ex presidente sudcoreano Park Geun-hye condannato a 20 anni di carcere

Reading Time: 1 minute read

La Corte Suprema della Corea del Sud giovedì ha confermato definitivamente la condanna dell’ex presidente Park Geun-hye a 20 anni di carcere nel clamoroso scandalo di corruzione che ha portato al suo licenziamento nel 2017, informa Hotnews.

La prima presidente eletta della Corea del Sud, Park Geun-hye, è stata condannata nel 2018 a 30 anni di carcere per corruzione e abuso di potere. Una serie di ricorsi e ulteriori processi hanno ridotto la sua pena a 20 anni di carcere.

Giovedì il caso è arrivato per la seconda volta alla Corte Suprema, che ha confermato la condanna a 20 anni di carcere.

La decisione pone fine a un lungo processo giudiziario seguito alla partenza del capo dello Stato, dopo mesi di ampie manifestazioni di piazza.

L’Alta corte ha approvato anche le multe e i danni che dovrà pagare l’ex presidente, per un totale di 21,5 miliardi di won (16 milioni di euro).

Lo scandalo ha portato alla luce i legami travagliati tra queste imprese familiari e il potere politico, attraverso l’ex presidente e consigliere ombra Choi Soon-sil, che ha accettato tangenti in cambio di favori politici, secondo Hotnews.

Il 68enne Park Geun-hye è stato ritenuto colpevole di aver ricevuto o sollecitato decine di milioni di dollari da società sudcoreane, inclusa Samsung Electronics, di aver condiviso documenti classificati come segreti, di aver fatto un ” lista nera “con artisti critici della sua politica o che ha licenziato funzionari che si opponevano ai suoi abusi di potere.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.