Ferragamo segnala uno scarso miglioramento ad inizio 2021

Reading Time: 1 minute read

Il gruppo italiano di beni di lusso Salvatore Ferragamo ha avuto un anno nero nel 2020 a causa della pandemia, mentre nel 2021 sembra esserci un miglioramento anche se molto scarso. La situazione nel gruppo è ancora incerta al riguardo. Le vendite al dettaglio, dicono fonti, sono aumentate nelle prime nove settimane, dopo aver registrato perdite a causa della pandemia.

La crisi del virus ha complicato gli sforzi di rinnovamento del marchio da parte dell’amministratore delegato Micaela Le Divelec, il cui mandato scade ad aprile, alimentando la speculazione su una possibile revisione del management.

L’utile prima degli interessi e delle imposte (EBIT) ha registrato una perdita di 62 milioni di euro (73,68 milioni di dollari) rispetto a un utile di 150 milioni di euro nel 2019 a causa del crollo dei ricavi e delle svalutazioni registrate da Ferragamo su attività come immobili e macchinari.

Gli analisti si aspettavano in media una perdita di EBIT di 64 milioni di euro per il 2020, secondo una previsione di consenso di Refinitiv.

I calzolai di lusso a gennaio hanno registrato un calo del 33% nelle vendite del 2020, una delle peggiori prestazioni in un settore alle prese con la chiusura dei negozi per limitare il contagio da Covid-19 e la mancanza di turisti.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.