Garnier lancia una campagna di educazione sostenibile

Reading Time: 1 minute read

La collaborazione educativa di Garnier con National Geographic è stata pubblicata il 1 ° ottobre 2021. Garnier mira a dare potere a 250 milioni di persone di vivere più verdi, entro il 2025.

Il primo episodio della serie, intitolato “Può confezionare diventare verde?”È già stato rilasciato, con episodi successivi che dovrebbero essere rilasciati presto.

La partnership rientra nell’obiettivo “Solidarietà e approvvigionamento” di Garnier, uno dei quattro componenti che compongono la sua campagna “Green Beauty”.

Questi obiettivi affermano che entro il 2025 Garnier mira a utilizzare solo zero plastica vergine, potenziare 1.000 comunità in tutto il mondo, alimentare in modo sostenibile tutti i suoi ingredienti rinnovabili a base vegetale e far sì che i suoi siti industriali siano neutri al 100% dal punto di vista del carbonio.

La spinta di Garnier per una riduzione del suo impatto ambientale è supportata dal costante impegno di L’Oreal per la sostenibilità e l’imballaggio responsabile.

La collaborazione stessa, il cui contenuto è prodotto dal dipartimento Opere creative di National Geographic, copre argomenti di sostenibilità relativi alla bellezza.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.