Giornalismo zaino in spalla

Reading Time: 2 minutes read

Questa nuova forma emergente di giornalismo è svolta da una sola persona che comprende varie figure professionali quali: giornalista, fotografo, video reporter, nonché un editore e produttore di storie.

Non esiste una definizione definita per questa pratica, ma è essenzialmente “un metodo che utilizza…il giornalismo per creare storie potenti che portano le persone oltre i confini della propria esperienza di vita e le collegano con le correnti, le forze e le situazioni che rimodellano il mondo su base giornaliera”.

Questo metodo utilizza vari strumenti multimediali, quali laptop leggeri, telefoni satellitari, software di editing economico e fotocamere digitali per coinvolgere maggiormente sia l’intelletto che l’emozione del pubblico.

I giornalisti dello zaino archiviano materiale per fornire il Web, e occasionalmente televisione, da luoghi altrimenti inaccessibili a grandi gruppi di notizie (ad esempio nelle zone di guerra e nelle aree colpite da calamità naturali).

Sebbene il termine abbia avuto origine nella sfera del giornalismo televisivo, si è esteso fino a includere tutte le aree del mondo dei media.

Un giornalista esperto di zaino deve essere un maestro delle nuove tecnologie, in grado di fondere ruoli precedentemente separati, come scrittore e video-fotografo, e in grado di produrre una storia che garantisca accuratezza, correttezza ed equilibrio, plasmata da standard elevati e pratiche consolidate.

Secondo la giornalista pioniera dello zaino Jane Stevens, i giornalisti dello zaino devono anche “conoscere la differenza tra quando sei un lupo solitario e quando fai parte di un intero gruppo”.

Il giornalismo zaino viene utilizzato dal personale delle pubblicazioni stampate per creare giornalismo visivo per i siti Web, dalle operazioni di trasmissione per offrire contenuti unici e dai giornalisti freelance che riconoscono il suo valore per raccontare storie e presentare prove e testimonianze per clienti dei media e non.

I direttori di notizie stanno trovando questo stile di giornalismo vantaggioso per le loro organizzazioni. Invece di richiedere ai cameramen, ai reporter e ai redattori di produrre storie, è disponibile un gruppo più ampio di dipendenti in grado di fare tutto quanto sopra, che può raddoppiare o addirittura triplicare il numero di storie che possono essere coperte.

Le varie piattaforme coinvolte con questo tipo di report aprono anche più porte per raggiungere un pubblico più ampio e più vario.

Il problema è il compenso, poiché non sempre a fronte di X lavoro si ottiene quanto deve essere, poiché i furbetti del quartierino nei media mainstream, i professionisti dell’informazione, sono i primi a non riconoscere adeguatamente il lavoro svolto.

Fonte : Wikipeida

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.