Giornalista russo reclutato dalla compagnia militare privata Wagner ucciso in Libia

Reading Time: 1 minute read

Il giornalista russo Yevgeny (Zhaksybay) Ilyubaev, che è diventato un mercenario della Wagner Private Military Company (PMC), è stato ucciso in combattimento in Libia, riferisce Znak.com citando le proprie fonti.

Una delle fonti ha affermato che negli ultimi anni Ilyubaev era entrato nelle zone di conflitto armato, compresa la Siria, in diverse occasioni. Circa un anno fa gli è stata persino assegnata una medaglia per il coraggio, che gli è stata consegnata dal presidente russo Vladimir Putin.

Le circostanze della morte di Ilyubaev non sono note. All’inizio di ottobre è stato riferito che diverse decine di mercenari russi che stavano combattendo per il generale ribelle Khalifa Haftar erano stati uccisi in Libia . Secondo una teoria, Ilyubaev è stato ucciso in un attacco aereo.

Il governo russo non ha confermato ufficialmente la morte di Ilyubaev. È stato sepolto la scorsa settimana nella sua città natale di Novoorsk, nella provincia russa di Orenburg.

Secondo varie fonti, tra i 7000 e i 10.000 mercenari potrebbero essere passati attraverso il PMC di Wagner dal 2014.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.